Vivono in me | Case stregate e vite programmate

Ho sempre trovato che l’inserimento nei fumetti di Jesse Jacobs di temi relativi all’ambiente, al vegetarianesimo e più in generale al rapporto etico e mistico tra uomo e natura, fossero inevitabili. Non li ho mai percepiti come temi realmente sentiti dall’autore, quanto più come frutti dello sviluppo organico del racconto. È una cosa che Jacobs non può evitare, le sue storie lo portano lì e lui non può farci niente. Anzi, non le sue storie, ma i luoghi in cui le ambienta. È da lì che nasce tutto.

Ogni libro di Jacobs è un microcosmo che risponde a regole proprie, che sia un’aliena meta turistica, un Eden capriccioso o la casa stregata protagonista di Vivono in me, il suo ultimo fumetto edito da Hollow Press. Sono habitat che, come nella realtà, sviluppano forme di vita, reazioni sociali, tracciano le coordinare spazio-temporali di un mondo che non ha nulla a che fare con nessun altro già esistente. Si potrebbe dire che nel lavoro di Jacobs è il contenitore a sviluppare e dare forma al contenuto, ponendo regole proprie nell’incedere della storia e nel dispiegamento delle tematiche. Non è un caso che, sovvertendo le regole del genere, la casa protagonista rivela sin dalla prima tavola la sua natura maligna: a Jacobs preme anzitutto definire ciò che è il suo contenitore, stabilirne i confini e le caratteristiche e difatti investe gran parte delle pagine a sua disposizione proprio a descriverci l’abitazione.

Lo fa con intelligenza, obbligandoci a seguire la visita della casa che un agente immobiliare sta presentando a una giovane coppia, ancora ignara di ciò che le spetta. Qui comincia il vero divertimento di Jacobs che tra architettura escheriana, cucine pieghevoli, mobili che prendono vita e stanze immateriali, catapulta marito e moglie in un incubo al flash forward in cui consumano la loro intera esistenza da coniugi all’interno di quelle quattro mura e della finestra temporale in cui avviene la visita. Più che una riflessione sulla vita di coppia, questo terrificante flash forward è la piastra di Petri in cui Jacobs osserva il naturale svolgimento della vita con uno sguardo all’apparenza leggero ma che risulta quasi immediatamente inquietante.

E’ un tipo di orrore quello trasmesso da Vivono in me, che nasce dal dubbio dell’esistenza di uno schema prestabilito nelle nostre vite, di una forza superiore che ci ha messo su binari da cui ci è impossibile deragliare. E se Jacobs usa all’inizio lo schema rigido della visita e l’accelerazione temporale, la sensazione di essere realmente oppressi da un’entità misteriosa arriva quando compaiono le digressioni geometriche che sono ormai diventate il marchio di fabbrica della narrazione dell’autore canadese. In Vivono in me la geometria si fa più sintetica ed essenziale trasformandosi in una sorta di geroglifico, una scrittura astratta e abietta che sembra regolare le nostre vite, una sorta di scheda di programmazione del destino personale di ogni uomo.

Vivono in me è un racconto nero che nasconde sotto un’apparente leggerezza un’idea cupa della vita umana, ma al contempo ci affascina e ci meraviglia mostrandoci lo spettacolo di una natura continuamente rigenerata da una forza mistica e organica che l’uomo sembra ormai avere perduto.

Vivono in me
di Jesse Jacobs
Traduzione di Valerio Stivè
Hollow Press, 2017

Laser #16 | Aprile 2017

Laser è l’elenco delle recensioni che ho pubblicato durante il mese. Di solito sono molto poche perché sono pigro.


E COSI’ CONOSCERAI L’UNIVERSO E GLI DEI di Jesse Jacobs – Traduzione di Valerio Stivé (Eris Edizioni, 2017)
L’universo per Jacobs parte dal cosmo e non-termina nell’atomo, perché il suo movimento da telescopico a microscopico (e viceversa) ci rivela un mondo fatto di cose che si aprono e ne escono fuori altre di più piccole, come recita la frase finale del libro, dove il punto più alto e vasto d’osservazione è quello divino mentre quello più basso e minuscolo è la chimica della natura. In mezzo ci stanno gli uomini, attratti e contesi dai due elementi, incapaci già allora di gestire carni e pensieri.
Clicca qui per leggere la recensione.

PRINCESSE SUPLEX di Léonie Bischoff – Traduzione di Silvia Uberti (MalEdizioni, 2016)
Perché frammentando l’incontro tra le due lottatrici e proponendoci gli estratti della vita quotidiana della protagonista, la Bischoff costruisce anche un’atipica storia di amicizia e dropkick, che prende forma sul ring tra due donne che vogliono solo divertirsi e prendono la cosa dannatamente sul serio. Proprio come Léonie Bischoff, capace di realizzare un fumetto breve e divertente, con qualcosa da dire e le idee ben chiare sul come dirle. Nessun proclama, nessun moralismo, nessuna spiegazione: è la struttura stessa del racconto che ci rivela il suo contenuto.
Clicca qui per leggere la recensione.

Infine continua la serie in quattro parti, Tintin a trent’anni, una sorta di diario di lettura della serie di Hergé scritto da uno che la legge per la prima volta a trent’anni suonati. Non è una recensione, sia ben chiaro, ma solo appunti sparsi, idee, punti di vista. Quindi materiale assai discutibile, ma corredato dalle bellissime illustrazioni di Pablo Dalas. Qui trovate il secondo episodio, mentre per il primo dovete cliccare qui.

Gigahorse #14 | Marzo 2017

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo.


WYTCHES
di Zack Snyder e Jock – Traduzione di MC Farinelli (Rw Edizioni, 2017)
Scott Snyder rilegge la stregoneria e tira fuori un horror ben riuscito sullo stile di Stephen King. C’è l’horror classico, quello dei mostri e degli spaventi, ma Snyder è bravissimo nel creare una paura tutta interiore che fa emergere attraverso un padre apprensivo, pieno di sensi di colpa e con una vita costellata di errori che cerca di espiare amando infinitamente la sua famiglia. L’orrore per Jock è invece la costruzione sempre misteriosa delle sue tavole, non solo imprevedibile ma anche costantemente ricolme di angoli bui, parti nascoste, momenti “illeggibili”, effetto che i colori affascinanti di Marc Hollingsworth amplificano. Ci sono solo due problemi: l’ultimo numero è sin troppo frettoloso e per chiudere la trama Snyder sacrifica la parte emotiva; e poi la serie è ferma dal 2015 e, sebbene il finale chiuda le vicende, rimangono tante cose in sospeso che meriterebbero una conclusione.

THE SPIRIT #2 – Il ritorno dello spirito
di Matt Wagner e Dan Schkade – Traduzione di Valeria Gobbato (Editoriale Cosmo, 2017)
Termina qui la miniserie sul ritorno di The Spirit: Matt Wagner tira le fila dell’intrigo che ha ordito ma si crea qualche nodo di troppo. Se il primo volume era divertente e intrigante (nonostante la scrittura non fosse sempre all’altezza dei bei disegni di Schkade), questo secondo volume risulta prevedibile e noioso. Una volta scoperta l’identità di Mikado Vass e rivelati i misteri della prigionia di The Spirit (peraltro facilmente intuibili), la storia si sgonfia sotto il suo stesso peso. Certo, i disegni dinamici di Schkade sono un piacere, ma non sempre salvano la situazione.

BENVENUTI A CERVELLOPOLI
di Matteo Farinella (Editoriale Scienza, 2017)
Benvenuti a Cervellopoli è il viaggio di un giovane neurone alla scoperta del cervello per capire quale compito andrà ad affrontare una volta cresciuto. Rispetto al precedente Neurocomic Farinella scrive un libro per un target più infantile e rinuncia così a un intreccio strutturato preferendogli una storia minimale capace di raccontarci in maniera semplice il funzionamento del cervello. L’autore però non rinuncia a una ricchezza grafica davvero sorprendente con grandi tavole colme di particolari e trovate grafiche che riescono al contempo a essere esplicative e divertenti. Questa è la grande capacità di Farinella, padroneggiare così tanto la narrazione scientifica che anche le sole immagini sono in grado di trasmettere le informazioni contenute nel testo. Un libro perfetto per i bambini, interessante per gli adulti. Qui trovate la mia recensione. 

BLOODSHOT REBORN #2 – La caccia
di Jeff Lemire e Butch Guice – Traduzione di Fiorenzo delle Rupi (Edizioni Star Comics, 2017)
Dopo un primo volume interessante per come riusciva ad andare a fondo del personaggio con originalità e una inaspettata vis drammatica (senza dimenticarsi però delle botte), Bloodshot Reborn prosegue con La Caccia, miniserie in quattro numeri che si distingue per un racconto più tradizionale e meno stratificato rispetto al precedente volume. Non che La Caccia sia un brutto fumetto, semplicemente la scrittura di Lemire si fa meno raffinata per quanto riguarda la costruzione psicologica del personaggio concentrandosi perlopiù sull’intreccio, passaggio forse doveroso per arrivare a un volume finale capace di unire l’elemento action con quello introspettivo senza troppi problemi. Attendiamo con ansia. Ai disegni c’è il veterano Butch Guice, il cui lavoro si distingue per la recitazione davvero perfetta dei personaggi.

BATTAGLIA – Dentro Moana
di Roberto Recchioni, Mauro Uzzeo, Pierluigi Minotti, Marco Patrucco, Valerio Befani, Fernando Proietti ed Ettore Dicorato (Editoriale Cosmo, 2016)
Bella questa nuova avventura di Battaglia, molto diversa rispetto alle precedenti. Verrebbe quasi da definirla una storia intimistica se non fosse che il protagonista è pur sempre un vampiro, anche se nell’inedita veste di innamorato. Dentro Moana è una storia d’amore virile e struggente dove Battaglia recita nel doppio ruolo di buono e di cattivo, aspetto che i due sceneggiatori gestiscono bene pur utilizzando i consueti toni eccessivi. L’albo si fa notare soprattutto per una bella regia, capace di far convivere passato, presente e la vita sullo schermo di Moana. Peccato solo per dei disegni non sempre all’altezza. Menzione speciale alla diabolica Cicciolina.

SUICIDE SQUAD / HARLEY QUINN #20 – 21
di aa.vv. – Traduzione di MC Farinelli (RW Edizioni, 2016)
Tenetemi lontano dai disegni di John Timms se no ammattisco. Non riesco proprio a resistere né alla sua Harley Quinn spigolosa e slanciata, né ai suoi detective con il volto simile a una roccia. Per il resto Palmiotti e la Conner celebrano il matrimonio tra HQ e Red Tool: numero divertente, forse due logorroici in una sola serie sono di troppo, ma per ora non mi hanno ancora stancato. Segue sul numero #20 un episodio delirante di Harley Quinn, con la nostra protagonista costretta a prendere il comando di un robottone fatto a sua immagine e somiglianza per sconfiggerà il nemico di turno. C’è di tutto, dalle battute a Michael Bay alle tette spara missili, e tutto funziona alla perfezione grazie anche a una dose di spettacolarità che raramente si è vista sulla testata.
La New Suicide Squad di Seeley è una buona serie di intrattenimento action, con quel minimo di caratterizzazione dei personaggi che le permette di distinguersi un poco. Finalmente Seeley è riuscito a darci una storia all’altezza del team, peccato però che si fatichi a percepire i personaggi. I disegni statici non hanno aiutato molto nelle sequenze d’azione, mentre si sono dimostrati più utili nel racconto dei legami tra i membri del gruppo.
Ultimo arco narrativo per i Segreti Sei della Simone, con una storia tutta incentrata su Stryx, l’unico personaggio decente uscito fuori dal New52 e giustamente malcagato e bloccato nella retroguardia di personaggi da tirare fuori all’evenienza. La Simone però vuole bene al personaggio quindi non è detto che, nonostante i suoi limiti, riesca a tirare fuori qualcosa di buono anche se la sensazione è che la Simone rimanga come al solito sulla superficie delle cose.

SALAMBÒ
di Philippe Druillet – Traduzione di Sara Giovanna Gianoglio (Magic Press, 2016)
Nonostante sia guidato dal romanzo di Flaubert, Druillet non perde l’occasione di far deragliare la storia facendola approdare in nuovi territori. Così il racconto diventa una space opera avventurosa e sentimentale che Druillet punteggia di melodramma e fa smarrire all’interno delle architetture mastodontiche che sovrastano ogni sequenza. Le due cose migliori del volume sono una strana storia d’amore e le impressionanti scene di battaglia.

ALACK SINNER – L’eta dell’innocenza #1
di José Munoz e Carlos Sampayo – Traduzione di Fiorella di Carlantonio (Editoriale Cosmo, 2017)
Ma si può essere così stronzi da scoprire Alack Sinner all’alba dei trent’anni? Mi sento uno scemo da ieri mattina e davvero non riesco a capire come io e il personaggio di Munoz e Sampayo non ci siamo incontrati prima. La botta è stata forte, anzitutto per i disegni di Munoz. Per me che sono un amante del segno di Bastien Vives, trovare un autore simile a lui ma più raffinato (soprattutto nella recitazione) e più attento agli ambienti e alle atmosfere, é stata una bella scoperta. Nel volto di ogni suo personaggio c’è sempre una linea, una sola, capace di rendere quella faccia davvero espressiva; nel suo tratto invece suggerisce la camminata del personaggio, le vibrazioni prodotte dai suoi movimenti. La scrittura di Sampayo è altrettanto raffinata, capace di rimanere in bilico tra le sbruffonate hard-boiled e alcune riflessioni intime e politiche che colpiscono senza mai apparire retoriche. Prima ancora del personaggio poi, è la struttura stessa delle storie a esplicitare la visione del mondo dei due autori, con quei finali disinnescati e la componente thrilling che si perde nel nulla della realtà. Cazzo che botta.

FUGA DA NEW YORK #2 – Ritorno a Manhattan
di Christopher Sebela e Maxim Simic – Traduzione de I Cosmonauti (Editoriale Cosmo, 2017)
Si poteva fare peggio del precedente volume? Impossibile a dirsi ma Sebela e Simic ci riescono. La storia affonda subito nella noia e nella prevedibilità, due difetti che i dialoghi verbosi non aiutano certo a dissipare. I disegni sono scarsi, tirati via, incapaci di restituirci atmosfere, una recitazione decente o sequenze d’azione spettacolari, tutti aspetti che tra l’altro la stampa in scala di grigio con cui la Cosmo ha portato il volume in Italia, aiuta a peggiorare.

LE AVVENTURE DI TINTIN
Lo scettro di Ottokar – Il granchio d’oro – La stella misteriosa
di Hergé – Traduzione di Giovanni Zucca (allegato RCS, 2017)
Sulle avventure di Tintin nessuna anticipazione perché sto realizzando un diario di lettura. Non sono recensioni ma solo pensieri sparsi, appunti, azzardi e arrampicate sugli specchi per cercare di tirare fuori qualcosa di nuovo e di diverso da un personaggio che ha prodotto più saggistica che merchandising. Trovate tutti i tentativi qui

E COSÌ CONOSCERAI L’UNIVERSO E GLI DEI
di Jesse Jacobs – Traduzione di Valerio Stivé (Eris Edizioni, 2017)
Questo strambo Libro della Genesi è un inno alla perpetua mutazione e agli equilibri che governano l’universo, che Jacobs ci racconta da una prospettiva divina ma umanizzata, dove le invidie, le ambizioni e le idee di due dèi in cerca di un’approvazione superiore, guidano una Creazione fatta di sbagli, mediazioni e convivenze forzate. Jacobs realizza un’opera densa ma leggera, in cui potersi esprimere con i suoi disegni mutanti e le sue geometrie organiche. Qui trovate la mia recensione. 

NOTTE OSCURA – Una storia vera di Batman
di Paul Dini e Eduardo Risso – Traduzione di Giuseppe Mainolfi (Rw Edizioni, 2017)
Non inizia nel migliore dei modi questo fumetto autobiografico, con una struttura un poco noiosetta e banale che vede Paul Dini affrontare i postumi dell’aggressione aiutato da Batman e messo in difficoltà dai classici villain del supereroe. Se nella prima parte l’interesse rimane a galla è merito soprattutto di Eduardo Risso, capace di movimentare con un tratto eclettico una storia più monolitica di quel che crede di essere. Non ci speravo quasi più, e invece ecco che la storia nel finale si riprende: complice anche il Joker che comincia a prenderlo per il culo, Dini dismette il tono un poco lagnoso e comincia a riflettere con il minimo sindacale di spietatezza sulla sua vita e sulle sue scelte, trasformando il fumetto in un interessante racconto di un eterno adolescente che si trova costretto a diventare uomo. Notte oscura è un esperimento interessante e imperfetto, con buoni momenti di scrittura alternati ad altri meno convincenti, e un Eduardo Risso che fa i salti mortali ma ogni tanto non riesce a nascondere un poco di affanno.

TERMITE BIANCA #2 – Metalupo
di Marco Bianchini, Marco Santucci e Patrizio Evangelisti (Editoriale Cosmo, 2017)
Si conclude qui Termite Bianca, o almeno la pubblicazione degli albi Cosmo visto che la storia si chiude con un potente cliffhanger che però non ha ancora trovato seguito (ma pare ci siano lavori in corso). La storia prosegue con qualche intoppo iniziale (nelle prime pagine il susseguirsi di troppi sbalzi temporali mi ha un poco confuso) ma poi si avvia verso il finale senza troppi problemi e con una buona dose di emotività. Certo è che se non ci fossero i disegni di Evangelisti, Termite Bianca non riuscirebbe a farsi notare più di tanto.

IN SILENZIO
di Audrey Spiry – Traduzione di Elisabetta Tramacere (Diabolo Edizioni, 2016)
Per raccontare un personaggio che si fonde con la natura, Audrey Spiry realizza un fumetto liquido, dove i segni scorrono e si miscelano tra loro sino a far perdere le tracce del paesaggio e dei personaggi per divenire puro astrattismo ed emozione. Lo scorrere sicuro e impetuoso dei disegni si scontra ogni tanto con gli scogli di una trama scontata e di personaggi non proprio memorabili, ma il senso del fumetto sta prima di tutto nei suoi disegni, quindi non è un male chiudere un occhio su alcuni mezzi passi falsi per concentrarsi su quello che davvero racconta una storia.


E così conoscerai l’universo e gli dei | La cosmogonia di Jesse Jacobs

La cosmogonia di Jesse Jacob inizia con una frase lapidaria: il tempo e lo spazio sono morti ieri. Questa dichiarazione d’intenti è un primo elemento per comprendere la strana struttura narrativa di E così conoscerai l’universo e gli dei, primo graphic novel di Jacobs che arriva però in Italia a un anno di distanza dal suo ultimo lavoro, Safari Honeymoon. Una struttura narrativa che sembra infatti giocare con i cadaveri dello spazio e del tempo modellandoli a suo piacimento sino a ottenere una dimensione propria di racconto, dove lo spazio diventa un luogo esplorabile solamente in continui zoom in e zoom out, e il tempo è un parametro sostanzialmente inutile che Jacobs frammenta qua e là nel suo fumetto, senza il rispetto di alcuna cronologia e legandolo invece ai fili tematici del suo racconto.

L’universo per Jacobs parte dal cosmo e non-termina nell’atomo, perché il suo movimento da telescopico a microscopico (e viceversa) ci rivela un mondo fatto di cose che si aprono e ne escono fuori altre di più piccole, come recita la frase finale del libro, dove il punto più alto e vasto d’osservazione è quello divino mentre quello più basso e minuscolo è la chimica della natura. In mezzo ci stanno gli uomini, attratti e contesi dai due elementi, incapaci già allora di gestire carni e pensieri.

D’altronde  le tre divinità che danno inizio al tutto sono più umane di questi proto-uomini, impegnate come sono a sperimentare, invidiare, farsi ripicche, avere intuizioni, ritagliarsi momenti di assoluta crudeltà o di assoluta tenerezza, e cercare di compiacere qualcuno più in alto di loro. Di contro la natura rivela ben presto un’aspirazione se non divina perlomeno mistica, nel suo essere in grado di creare da zero nuove forme di vita proprio come una divinità. E l’umanità, incastrata tra queste due forze, cerca un suo ruolo nell’universo mentre tenta di scoprire ancora sé stessa. Jacobs porta avanti parallelamente e sullo stesso piano temporale le storie di Adamo ed Eva e di Caino e Abele. Il primo uomo e la prima donna (poco più che due primitivi) sono chiamati a guidarci alla scoperta del corpo e delle sue funzioni, che Jacobs ci svela indugiando sui fluidi corporei e sulle carni decadenti. I due fratelli invece ingaggiano tra loro una lotta morale che li porterà verso il finale conosciuto cui Jacobs dona sfumature paleo-vegane e una svolta inaspettatamente splatter.

E non è un caso che alla battaglia tra i due fratelli faccia subito seguito la battaglia tra due dei, che Jacobs trasforma in uno scontro tra kaiju creando un suggestivo flash-forward ambientale in cui il paesaggio teatro del duello progredisce vignetta dopo vignetta trasformandosi da landa desolata a metropoli. In questi due scontri che concludono il volume, l’autore racchiude un po’ il senso ultimo di questo suo Libro della Creazione. Quello di Jacobs è un universo che si è generato dall’unione di opposti, dalla contaminazione continua e indiscriminata che ha portato a una natura autonoma e mutante, quasi che questo libro fungesse da preludio al successivo Safari Honeymoon.

La regia di Jacobs è come sempre controllatissima grazie a una griglia modulare utilizzata con dinamismo e agli interventi psichedelici che qui diventano quasi momenti religiosi, con quelle geometrie escheriane che assumono un contorno mistico e spirituale. Quello che stupisce però è la capacità dell’autore di riuscire a realizzare un libro sulla creazione dell’universo divertente, spietato e capace di non banalizzare i temi che l’argomento si porta dietro ma anzi, apportando al discorso interessanti spunti di riflessione.

Jesse Jacobs ci racconta di un’umanità primitiva e dei due grandi misteri che la circondano, la guidano e la influenzano ogni giorno: quello della natura e quello del divino. Lo fa con grande precisione offrendoci una delle versioni più lucide e originali dell’inizio di tutto quanto, una cosmogonia delirante che cerca di indagare l’origine dell’uomo inscenando uno scontro tra natura e divinità.

E così conoscerai l’universo e gli dei
di Jesse Jacobs
Traduzione di Valerio Stivé
Eris Edizioni, 2017
84 pag.

 

 

Safari Honeymoon | Jesse Jacobs e la forza della natura

Questa recensione è stata pubblicata precedentemente su WildWood.


In Safari Honeymoon, secondo graphic novel del canadese Jesse Jacobs (il primo ad arrivare in Italia grazie alla Eris Edizioni), seguiamo una coppia di sposini durante la loro luna di miele in una ignota località esotica. Accompagnati da una guida tuttofare tanto abile a uccidere le bestie feroci quanto a cucinare una deliziosa croque-monsieur, i due dovranno mettersi alla prova con una natura ben poco ospitale, tra pericolosi parassiti, fiori velenosi, terribili animali e le misteriose scimmie della foresta.

La descrizione di questa natura stramba e terrificante è il vero punto d’interesse di Jesse Jacobs: è da lì che parte per far emergere non solo i protagonisti della storia, ma l’identità stessa del suo libro. Sin dalla copertina ci ritroviamo immersi nell’intricata e affascinante foresta che circonda l’abbraccio tra i due protagonisti. Una volta aperto il libro non avremo neanche il varco del frontespizio per sfuggire almeno un attimo dalla giungla di Jacobs. La storia comincia subito, senza pause, senza spazi bianchi: persino il colophon è inghiottito dal verde come se non ci fosse scampo per nessuno. La scansione delle tavole e il tipo di gabbie che Jacobs utilizza nel racconto sembra rifarsi apertamente alla natura disorientante del luogo in cui sono ambientate le vicende. La pagina cambia continuamente, partendo dalle tavole con illustrazioni a piena pagina sino a frammentarsi in griglie di sei, nove, dodici, perfino ventiquattro vignette,  in un andamento sì armonico ma destabilizzante. In questo modo Jacobs cerca di catturare la complessità della natura, il suo obbligarci a sintonizzarci su una lunghezza d’onda diversa. Persino il tempo viene plasmato a piacimento dell’ambiente, e infatti la lettura si fa a volte rapidissima e a volte siamo intrappolati in una spirale da cui è difficile fuggire.

safarihoneymoon2

È nell’intrico erboso del paesaggio che Jacobs nasconde il cuore del suo fumetto. Qualunque cosa a un certo punto si riduce al suo stato più primitivo, ci dice Jacobs in una delle prime pagine, ed è facile cadere nell’inganno che Safari Honeymoon possa muoversi verso il racconto dell’involuzione dei due protagonisti. In realtà succede l’esatto contrario: costretti a convivere con una natura selvaggia che li obbliga per forza di cose a un cambiamento, gli sposini (seppur in modo diverso) vanno verso un’ulteriore evoluzione della specie che pare cancellare qualsiasi ideale di supremazia umana nei confronti della natura in favore di un’unione armonica tra le due parti (e non è un caso che la prima cosa umana a cui devono rinunciare sia proprio la parola).

Tra personaggi sopra le righe, simbionti al posto della lingua, numerosi picnic e ancora l’abbraccio oscuro della natura, Jesse Jacobs ci racconta una storia d’avventura atipica per ritmo, punto di vista e spunti di riflessione.

Safari honeymoon
di Jesse Jacobs
traduzione di Valerio Stivè
Eris Edizioni, 2015
80 pag.

Laser #3 | Marzo 2016

Laser è l’elenco delle recensioni che ho pubblicato durante il mese. Di solito sono molto poche perché sono pigro.


SAFARI HONEYMOON di Jesse Jacobs (Eris Edizioni, 2016)
La descrizione di questa natura stramba e terrificante è il vero punto d’interesse di Jesse Jacobs: è da lì che parte per far emergere non solo i protagonisti della storia, ma l’identità stessa del suo libro. Sin dalla copertina ci ritroviamo immersi nell’intricata e affascinante foresta che circonda l’abbraccio tra i due protagonisti. Una volta aperto il libro non avremo neanche il varco del frontespizio per sfuggire almeno un attimo dalla giungla di Jacobs. La storia comincia subito, senza pause, senza spazi bianchi: persino il colophon è inghiottito dal verde come se non ci fosse scampo per nessuno.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su WildWood.

IL LUPO DEI MARI  di Riff Reb’s (Kleiner Flug, 2013)
Il fumettista riesce a cogliere le due anime del libro e a fonderle con naturalezza in una narrazione che deve obbligatoriamente compattare il materiale d’origine. E così avventura e filosofia trovano nelle tavole di Riff Reb’s una inaspettata armonia: l’una non sovrasta mai l’altra nel peso che hanno sulla narrazione, procedendo di pari passo nella costruzione di una struttura più complessa.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

Gigahorse #1 | Febbraio 2016

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo.


SHS1SHERLOCK HOLMES SOCIETY #1 – Il caso Keelodge
di Sylvain Corduriè, Stéphane Bervas, Eduard Torrents (Editoriale Cosmo, 2016)
Sherlock Holmes vs. Zombies feat. Mr. Hyde. Solito pastrugnone della collana Weird Tales. Verboso (come al solito) ma abbastanza divertente.

..


..SnowpiercerTerminusSNOWPIERCER: TERMINUS #1 – #2
di Olivier Bocquet e Jean-Marc Rochette (Editoriale Cosmo, 2016)
Questo terzo sequel di Snowpiercer è all’altezza dei suoi predecessori. Pur essendo chiaramente in debito col film di Bong Joon-ho nella caratterizzazione volutamente grottesca degli antagonisti, Snowpiercer: Terminus non tradisce l’opera originale e continua a proporre azione e riflessioni sul mondo che ci circonda. Bella la sceneggiatura di Olivier Bocquet (con il treno sostituito da una Tomorrowland diventata l’ultimo avamposto dell’umanità), ma a brillare è il veterano della serie Jean-Marc Rochette, che dal primo volume al terzo ha sintetizzato il suo segno rendendolo più espressivo e pulsante.

.


LoveAddictLOVE ADDICT – Confessioni di un seduttore seriale
di Koren Shadmi (Bao Publishing, 2016)
Inizia come “l’amore ai tempi di Tinder” e finisce nel nulla. Un libro inutile che tira inutilmente in ballo Woody Allen, Robert Crumb e Chester Brown. Per non farla lunga, qui trovate la mia recensione.

.


RatmanG24RATMAN GIGANTE #24
di Leo Ortolani (Panini, 2016)
Non sono uno di quelli che oddio Ratman capolavoro. Anzi, posso dire che da quando sto recuperando la ristampa in formato gigante, le risate non sono mai mancate ma mi sono trovato più di una volta a chiedermi qual’era la storia che avevo letto in quelle pagine. Ma questo potrebbe benissimo essere un mio limite.
La cosa che invece mi piace del Ratman Gigante è il dietro le quinte di ogni storia. Una cronologia di errori, passi falsi, correzioni, lavoro matto e disperato che ti fa capire perché il Leo è là e noi siamo qua.
.


PaperGirls4PAPER GIRLS #4
di Brian K. Vaughan e Cliff Chiang (Image Comics, 2016)
Vaughan colpisce ancora. Al quarto numero il suo Paper Girls si conferma come la serie più bella dell’anno. Scrittura precisa nel dosare misteri, dispensare cliffhanger, creare personaggi perfetti e una buona dose di dialoghi sboccati. L’unico timore è che l”universo narrativo si allarghi troppo, ma non mi sembra il caso di farsi prendere dal panico. Per ora me lo godo con piacere.

.


L&K1LOCKE & KEY # 1 – Benvenuti a Lovecraft
di Joe Hill e Gabriel Rodriguez (Magic Press, 2009)
La Magic Press ha appena pubblicato il sesto e ultimo volume della serie di Hill e Rodriguez, e io col consueto tempismo, ho cominciato a leggere il primo TP. Il tratto di Rodriguez non mi fa impazzire, ma Joe Hill ha già messo sul piatto tutti gli elementi che mi piacciono: mistero, bambini curiosi, killer pazzi, fantasmi, faccioni americani. I romanzi di Hill mi sono piaciuti un sacco (d’altronde buon sangue non mente), e questo fumetto ha tutte le carte per piacermi altrettanto. Qui la mia recensione.

.


SafariHoneymoonSAFARI HONEYMOON
di Jesse Jacobs (Eris Edizioni, 2015)
Applausoni alla Eris che con questo libro comincia la pubblicazione del meglio del panorama indie d’oltreoceano. E per meglio si intende che al prossimo giro tocca a Michael DeForge con il suo DressingSafari Honeymoon è molto bello nella maniera in cui potete immaginarvi, ma anche in un modo che invece non sapete nemmeno. Cosa significa tutto ciò? Boh, ma potete sempre leggere qui la mia recensione.

.


HeadLopper2HEAD LOPPER #2
di Andrew MacLean (Image Comics, 2016)
Continuano le avventure di Norgal. Head Lopper è una serie divertentissima di avventura pura, con soluzioni grafiche e un character design superlativo. Peccato che questo numero, che mantiene inalterata l’azione frenetica del primo volume, sia narrativamente un po’ fiacco, con la storia che sembra messa temporaneamente in stallo. Attendo con fiducia la prossima uscita.

.


AW17

ADAM WILD #17 – La suprema catastrofe
di Gianfranco Manfredi e Pedro Mauro (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Conclusione sottotono per questa doppia storia cominciata nel numero precedente. Sviluppo macchinoso per un epilogo inconsistente, viste soprattutto le premesse catastrofiche del titolo (peraltro bruttino). I disegni di Pedro Mauro fanno il loro dovere, con risultati a volte buoni.

.


DYDColorFest16DYLAN DOG COLOR FEST #16 – Tre passi nel delirio
di Ausonia, Marco Galli e AkaB (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Non sono un fan di Dylan Dog. Ho letto qualcosa di Sclavi (che ho sempre preferito come romanziere) e giusto il Mater Morbi di Recchioni, ma poi mi sono fermato lì. Questo Color Fest #16 quindi è un acquisto più dettato dall’interesse che ho per gli autori che quello nei confronti del personaggio. La storia di Ausonia è un racconto metanarrativo sufficiente, le cui riflessioni sono forse troppo legate al personaggio e alla testata per coinvolgermi per davvero. Marco Galli invece punta su una storia classica che stravolge con un tratto grottesco da cui riesce a far emergere anche una certa fragilità emotiva dei personaggi. Lo sguardo di Dylan, malinconico e impaurito, è davvero commuovente. Chiude l’albo la storia di AkaB, dove la metanarrazione si estende oltre il personaggio e la sua storia editoriale per farsi riflessione più ampia e sofferta sull’identità e sulle storie. Gestione magistrale della gabbia bonelliana.
Esperimento riuscito.


MD3MANIFEST DESTINY #3 – Chiroptera e Carniformaves
di Chris Dingess e Matthew Roberts (Saldapress, 2016)
“Quando Thomas Jefferson inviò Lewis e Clark in esplorazione, si aspettava onestamente che gli riferissero di lanosi mammut e mastodonti di varia natura. Se i dinosauri fossero stati noti all’epoca, avrebbe chiesto loro quasi sicuramente di portargli un triceratopo.”
Così scriveva Bill Bryson nel suo Una passeggiata nei boschi (Guanda, 2000) e la serie di Dingess e Roberts non si sta allontanando di molto. Forse la struttura nuovo luogo-nuovo mostro alla lunga stuferà, ma per ora non risulta monotona. Anche perché, come in ogni grande romanzo d’avventura, ciò che conta è l’esplorazione (anche dei propri limiti) e i due autori si stanno dimostrando molto abili nelle descrizioni di nuovi spazi, nuovi mostri, nuovi pericoli e dell’influsso che queste scoperte hanno nei membri della spedizione. 


SwampThing4SWAMP THING: LIBRO QUATTRO
di Alan Moore, John Totleben e Stephen Bissette (RW Edizioni, 2015)
La conclusione del ciclo American Gothic cominciato nel precedente cartonato dimostra l’abilità di Moore nel gestire un evento macroscopico senza perdere mai di vista il suo personaggio. Forse non è divertente come il suo inizio, e nemmeno intima e psichedelica come il secondo volume della serie, ma questa conclusione ci restituisce un personaggio complesso, che messo davanti alle complessità di definire male e bene, fatica a trovare un’unica e sicura risposta.

.


Convergence4CONVERGENCE #4
di AA.VV. (RW Edizioni, 2016)
Questo finale funziona più o meno così: “Dobbiamo salvare il Multiverso!”. Giri pagina e l’hanno salvato. Quanta emozione. Non che nei quattro numeri non ci siano bei momenti (Telos e Brainiac sono scritti benino, soprattutto quest’ultimo), ma ho letto decisamente di meglio.  Negli scorsi numeri qualche bella tavola erano riusciti a metterla, mentre a questo giro dobbiamo sopportare delle orrende splash page che illustrano gli universi salvati.

.


aralluTHE DIM REVERBERATION OF THE CHAOSHOLDER – 1st Seal
di Arallu (Hollow Press, 2016)
La nuova serie della Hollow Press (che si affianca all’antologico U.D.W.F.G. già arrivato al terzo volume) è l’ennesima conferma della ricerca continua che è alla base di questa piccola casa editrice. Ogni libro ha una veste cucita per l’occasione (questo è uno spillato ultra-lusso) e rappresenta sempre una nuova sfida per il lettore. In questo caso ci troviamo davanti a una narrazione in soggettiva, tra il videogioco e un dungeon crawl, e una mitologia tutta esplorare. Questo primo volume non è di immediata lettura, ma poco fa non vi avevo detto che si trattava di una sfida? Tra qualche settimana vi dirò qualcosa di più sul fumetto tramite apposita recensione.


BrucoIL BRUCO 
di Edogawa Ranpo e Suehiro Maruo (Coconino, 2012)
E’ bello trovarsi tra le mani un libro che funziona in maniera così precisa. Suehiro Maruo prende un racconto di Edogawa Ranpo (l’Edgar Allan Poe giapponese, letteralmente) e gli dà corpo con una narrazione perfetta dove convivono la dimensione dell’incubo e quella di un sentimento amoroso. Straordinario come da questa storia è completamente esclusa la prospettiva morale, a sottolineare che le forme d’amore che nascono e si sviluppano nell’habitat esclusivo di una coppia, sono esenti da qualsiasi giudizio esterno. Un capolavoro dolce e destabilizzante.