Gigahorse #21 | Ottobre 2017

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo. Se non avete voglia di aspettare un mese per leggerle, fate un giro sul profilo Instagram. 

SOGNI INDEMONIATI
di Rick Veitch – Traduzione di Isabella Zani (Phoenix, 1997)

Sogni indemoniati raccoglie i primi quattro numeri di Rare Bit Fiends, la serie con cui Rick Veitch ha esplorato il mondo dei sogni e i suoi oscuri meccanismi. E infatti il fumetto non è altro che un esteso e affascinante delirio onirico con cui Veitch può dare sfogo non solo alle proprie visioni, ma alle messa scena di qualsiasi meccanismo narrativo. Tutto è reale e tutto è finto in Sogni indemoniati, in una soluzione di continuità tra un sogno e l’altro che quasi ci dà le vertigini e ci fa sentire intrappolati in un loop perpetuo di sogno, incubi e visioni da cui ci può salvare solo un improvviso risveglio.

PARKER #2 – L’organizzazione
di Darwyn Cooke – Traduzione di Valeria Gobbato (Editoriale Cosmo, 2017)
Per questo secondo volume dedicato al Parker di Richard Stark, Darwyn Cooke prova nuove soluzioni narrative abbandonando parzialmente gli stilemi pulp e noir mutuati dallo Spirit di Eisner. Ne esce fuori un racconto piacevolmente frammentato in cui le malefatte di Parker sono quasi sempre narrate di rimbalzo simulando articoli di riviste pulp, tutorial illustrati e altro. Tolto questo, Parker: l’organizzazione è un racconto teso di amicizie vere, amicizie false e amicizie tradite, e non è un caso quindi che di donne a questo giro ce ne siano poche e per pochissimo tempo. Sono conti che gli uomini risolvono tra loro, col consueto corollario di sotterfugi, vendette e piani b. In mezzo a tutto questo c’è Parker, furioso a letto e sul campo di battaglia, un animale elegante, furbo e letale a cui pochi sopravviveranno.

SPIDER-MAN: LE STORIE INDIMENTICABILI #7 – I Fantastici Quattro
di aa.vv. – Traduzione di aa.vv. (RCS Quotidiani, 2009)
Questo settimo volume della collana Spider-Man – Le storie indimenticabili presenta una bella selezione di storie dimenticabilissime con disegni molto meno dimenticabili. Un Kirby della prima ora ci accompagna verso Karma!, storia di Claremont e disegni di un Frank Miller che trova ottime soluzioni grafiche per illustrare la telepatia. Un giovane Mike Allred non ancora nel pieno della sua sperimentazione grafica, disegna invece un omaggio ai fumetti romantici, dimostrando già la sua capacità di gestire l’espressività dei personaggi. Si conclude con una tripletta disegnata da Arthur Adams, che dà il suo meglio con i primi piani che dedica all’Uomo Talpa e agli Skrull (sempre illuminati dai monitor).

MERCURIO LOI #6 – L’infelice
di Alessandro Bilotta e Andrea Borgioli (Sergio Bonelli Editore, 2017)
Prosegue Mercurio Loi con la sua andatura narrativa stramba, dove l’inutile viene messo in primo piano e ciò che dovrebbe stare al centro del racconto viene relegato sullo sfondo. L’indagine è ancora una volta una passeggiata che porta i personaggi a esplorare la città e gli immediati dintorni e forse il meccanismo comincia a mostrare un po’ di stanchezza nonostante sia portato avanti da Bilotta con la consueta precisione e il divertimento a cui ci ha abituato finora. Tolta un po’ di noia provocata dalla struttura, L’infelice si regge su un villain solido e sfaccettato che probabilmente tornerà su queste pagine. Anche questa è una delle cose sorprendenti della serie Bonelli: creare l’attesa del villain nascondendolo nelle retrovie del racconto, concentrarsi su storie più semplici (ma sempre molto soddisfacenti) e poi forse giocarsi la carta del cattivo al momento giusto.
Buoni i disegni di Borgioli che fa un bel lavoro con le fitte ombre che popolano l’albo.

ALIENS #6
di aa.vv. – Traduzione di Andrea Toscani  (SaldaPress, 2017)
Finale deludente e sottotono per Aliens Defiance, che chiude con questi due numeri in cui i protagonisti fanno ritorno sulla Terra. La sceneggiatura mostra il fianco a quei difetti che era riuscita a nascondere nei numeri precedenti grazie a buone sequenze d’azione (qui inserite a mo’ di flashback per alleggerire i toni, ma la cosa dà solo fastidio) e a interessanti momenti non dialogati, e così ci troviamo davanti ai monologhi della protagonista in uno scenario terrestre incapace di descrivere il vero villain della miniserie, la Weyland Yutani. Il difetto principale è però la volontà di chiudere un capitolo e di porre le basi per un eventuale sequel (non ancora confermato), lasciando di fatto tutte le cose più interessanti in sospeso. Wood era riuscito a costruire soprattutto nei primi numeri un’atmosfera interessante e a trovare scenari differenti da quelli classici della serie, peccato sia scivolato su un finale poco incisivo.

IL SISTEMA
di Peter Kuper (Magic Press, 1999)
Peter Kuper descrive la New York degli anni Novanta con un lungo affresco completamente muto in cui personaggi e fatti continuano a intrecciarsi tra loro e influenzare inconsapevolmente le proprie vite. Anzi, più che un affresco, Il sistema sembra un murales espressionista in cui Fritz Lang viene contaminato dall’arte tribale, un murales disteso su uno di quei muri che costeggiano le ferrovie e che passa sotto i nostri occhi ora velocemente e ora con lentezza in base alla vicinanza della stazione. È così che funziona la regia di Kuper, concitata e nervosa per larga parte ma capace di ritagliarsi momenti più intimi o poetici (non sempre riuscitissimi), ma che in fondo dà il suo meglio nelle vignette di raccordo tra un personaggio e l’altro. Noir, dramma sociale, impegno politico, thriller finanziario, il tutto raccordato dalle piccole e complesse vite dei personaggi che innervano la storia e la città. Alla fine il fumetto di Kuper conquista più per la visione panoramica della città che per il dettaglio delle storie, ma si rivela comunque essere una lettura interessante e una buona prova narrativa.

SUICIDE SQUAD / HARLEY QUINN RINASCITA #12-13
di aa.vv. – Traduzione di MC Farinelli (Rw Edizioni, 2017)
Finalmente la gestione di Harley Quinn da parte di Palmiotti e della Conner è arrivata al momento che tutti aspettavamo: il Joker è tornato a turbare la vita non tanto tranquilla ma indipendente di Harley Quinn. Il numero mette sulla scacchiera pedine e dinamiche di gioco e, tolta una parentesi fantasy francamente inutile, ci sono anche un paio di cose interessanti (la rivalità tra Joker e Redtool, la spaventata riluttanza di Harley). Per ora Conner e Palmiotti la buttano in farsetta. Penso sia solo strategia e che nei prossimi numeri i due sceneggiatori riusciranno anche a toccare corde drammatiche e tragiche, quindi per ora sospendo il giudizio in attesa di uno sperato cambio di tono. John Timms sempre spettacolare con quelle sue facce belle spigolose.
Questa run di Suicide Squad alla fine mi ha annoiato. Per fortuna John Romita Jr. fa un buon lavoro, soprattutto nelle sequenze virtuali all’interno del server, tutte belle quadratose. Williams rilancia subito una nuova run e le premesse (un traditore nella Suicide Squad! Chi sarà? È lui! O forse no?) sono tipo una cazzo di noia.
Deathstroke invece si conferma la serie più sottovalutata di questo Rebirth. Perché non ne parla nessuno, diamine? Priest sta costruendo un dramma familiare tra sparatorie e sicari, con una narrazione che gioca tra passato e presente in maniera sempre intelligente. Quello presente in questo albo è un bel numero che può essere letto anche senza sapere nulla del personaggio e della run corrente, una bella storia che riflette sulla vendetta e il ruolo dei vendicatori. Per fortuna a questo giro anche i disegni si dimostrano all’altezza, grazie soprattutto alle chine di Sienkiewicz.

CINEMA PURGATORIO #3
di aa.vv. – Traduzione di Leonardo Rizzi(Panini Comics, 2017)
Ci accomodiamo nuovamente tra le poltrone sudicie e scomode della stramba sala cinematografica di Alan Moore. Si continua a riflettere sul potere delle storie, su chi lotta per realizzarle e sulla corrotta città di Hollywood che fa da teatro alle vicende. C’é un western metafisico che sovrappone le tre versioni della sfida all’O.K. Corral, la storia dei diritti di Fritz il gatto e una rilettura dell’omicidio di Thelma Todd fatta all’ombra dell’ingombrante figura di Batman. Tre racconti interessanti ma che non riescono a imprimersi.
Codice Pru perde invece un po’ di tempo e invece che cominciare a tirare le fila del discorso, continua nella descrizione frammentaria di questo mondo popolato da mostri. Insomma, divertente ma non si capisce dove Ennis voglia andare a parare. Fortunatamente ci sono disegni di Caceres.
M.O.D. invece comincia a cicciare e la storia sta prendendo forma attorno al mistero che coinvolge l’identità della protagonista. Attorno ci sono un sacco di idee folli (l’SMS vivente) e i disegni tamarri di Nahuel Lopez.
Ormai conoscete la mia avversione per Una più perfetta unione. Concept banalotto, scrittura confusa e poco interessante, ma soprattutto i disegni di DiPascale che mi spaccano gli occhi dall’orrore. Per fortuna a questo giro metà della storia è illustrata da Gabriel Andrade ma purtroppo non basta.
Chiudiamo con L’immenso. Siamo ancora in stallo alle fasi iniziali della storia. L’idea è divertente e cominciano a delinearsi possibili scenari, ma per ora è solo un incipit che si sta dilungando un po’ troppo.

GROSSO GUAIO A CHINATOWN #2 – Il ritorno di Jack Burton
di aa.vv. – Traduzione di Valeria Gobbato (Editoriale Cosmo, 2017)
Termina in questo secondo volume la divertente run di Eric Powell dedicata a Jack Burton. Sotto il segno di un umorismo ben scritto e belle sequenze d’azione, Powell mi ha sorpreso per come è riuscito a inserirsi nel mondo di Jack Burton con naturalezza e buone idee. Lo stile cartoonesco di Churilla poi, si rivela perfetto per interpretare lo stile del personaggio, le spericolate sequenze action e quei bei mostroni che male non fanno. Peccato che l’arrivo di Fred Van Lente alla sceneggiatura e Joe Eisma ai disegni abbia rotto il giocattolino. La storia porta Jack Burton ai giorni nostri, ma questo spunto seppur interessante non riesce a dar vita a nulla di davvero rilevante. In più i disegni di Eisma sono pessimi e rigidi, incapaci di essere dinamici nelle sequenze di azione e inespressivi nei momenti di dialogo. Brutto assai.

LE STORIE #61 – Astromostri
di Antonio Serra e Maurizio Rosenzwig (Sergio Bonelli Editore, 2017)
È arrivato quel momento dell’anno in cui vale la pena acquistare un albo de Le Storie, merito soprattutto di un Maurizio Rosenzweig in formissima che sin dalle prime tavole mostra una forza evocativa che saprà mantenere lungo tutta la durata dell’albo. Il disegnatore dà del suo meglio nella lunga sequenza finale allucinata, delirante ma velata di uno strano sentimento nostalgico che ci conduce verso un finale malinconico. Antonio Serra dal canto suo scrive una sceneggiatura citazionista che funge da grande omaggio alle sue passioni e che si appoggia di volta in volta a diversi generi per costruire il mondo interiore dello strano protagonista (un quarantenne obeso che crede agli alieni, quanto di più lontano dal classico ideale eroico bonelliano). E tutto funziona miracolosamente bene grazie anche a Rosenzweig che tiene insieme tutti i pezzi con una narrazione solida, fino ad approdare a un bel colpo di scena che stravolge più i sentimenti del lettore che la trama del fumetto. Poi il crollo: nel momento più emotivo per il personaggio e per il lettore, Serra piazza cinque pagine in cui ci spiega per bene tutto quanto, come se fosse impensabile lasciare al lettore il compito di unire i puntini già seminati nel corso della storia. La magia si rompe e quello che era un buon fumetto torna a essere un fumetto Bonelli: divertente ma vigliacco nel momento in cui deve prendere la scelta di far camminare la storia sulle proprie gambe e non sui soliti limiti auto imposti.

DEADPOOL #28
di aa.vv. – Traduzione di Luigi Mutti (Panini, 2017)
Uno dei problemi principali di Deadpool è che deve sempre parlare. Sembra di stare in quelle situazioni in cui tu vuoi solo goderti il momento con un po’ di tranquillità e invece c’è qualcuno di fianco che vuole per forza fare conversazione. Anzi, vuole per forza che tu lo ascolti perché molto spesso di quel che dici gliene frega meno di zero. Deadpool è così: il rompicoglioni che ti fa fare un viaggio di merda in treno. E infatti sebbene questo numero abbia una buona sequenza d’azione, le parole lo ammosciano fino all’inverosimile.
Chiude l’albo un nuovo numero dei Mercenari per soldi. Bunn mette in piedi come al solito una narrazione confusionaria, piena di personaggi che non è minimamente in grado di gestire.

FIGLIO DI UN PRESERVATIVO BUCATO
di Howard Cruse – Traduzione di Enrico Salvini (Magic Press, 2012)
Ho letto di recente il primo volume di March (qui la mia recensione per Critica Letteraria), il fumetto che racconta la vita di John Lewis, uno dei protagonisti del movimento per i diritti civili degli afroamericani. Se volete un fumetto che racconti questa parte importante della Storia, lasciate perdere quello schifo di March e recuperate senza indugio Figlio di un preservativo bucato di Howard Cruse. Cruse scrive e disegna un fumetto complesso in cui si intrecciano le vicende politiche, sentimentali, sociali e sessuali di un gruppo di giovani che lotta e vive per un’America più tollerante. Cruse ha il grande merito di far passare le idee dei suoi personaggi solo attraverso le loro azioni e mai con sermoni al lettore, senza però mai renderli degli eroi senza macchia e senza paura. Anzi, i suoi personaggi sono colmi di dubbi, paure, sbagliano spesso e qualche volta imparano. La parte più interessante è la graduale e intima scoperta che il protagonista fa della propria omosessualità, un racconto che Cruse innerva di dubbi e incertezze ma anche di un coraggio sottocutaneo, mai totalmente esposto al pubblico ludibrio. Il lettore partecipa ai movimenti interiori dei personaggi e ne vede la ricaduta sulle loro azioni, sottolineando con forza e coraggio politico che le idee servono, ma sono i gesti, le azioni e le decisioni a cambiare davvero il corso della nostra vita e quello della Storia.

SHIT AND PISS
di Tyler Landry (Retrofit Comics & Big Planet Comics Philadelphia, 2017)
Una prosa delirante da anima dannata ci accompagna nei fetidi meandri di un sistema fognario, l’Eden merdoso in cui avviene l’aberrante genesi dell’Uomo e una serie infinita di trasformazioni e mutazioni non meno disgustose. Shit and piss di Tyler Landry è un weird fantasy malsano sorretto da una regia perfetta nella sua attitudine a indagare il particolare e capace di sopperire a una certa prevedibilità della trama. Come in un testo religioso, la narrazione declamatoria procede senza possibilità di essere contraddetta verso un finale che svela l’ovvio e crea il mito, in un circolo spaventoso eppure mai così naturale. 


Salva

Annunci

Laser #12 | Dicembre 2016

Laser è l’elenco delle recensioni che ho pubblicato durante il mese. Di solito sono molto poche perché sono pigro.


rufolosmallRUFOLO di Fabio Tonetto (Eris Edizioni, 2016)
Facendo tesoro della sua attività di animatore, Fabio Tonetto dona ai suoi personaggi movimenti in grado di rappresentarli, e li rende poi fluidi all’interno della struttura della pagina. Senza alcuna gabbia a circoscrivere il loro raggio d’azione, i personaggi di Rufolo sfruttano un dinamismo liquido che, pur nella loro apparente staticità, li rende elementi continuamente soggetti a trasformazioni e a un moto perpetuo. Di conseguenza la quasi totale eliminazione di punti di riferimento spaziali rende la pagina bianca un luogo in cui qualsiasi ambiente può esistere. Oppure no.
Clicca qui per leggere tutta la recensione.

pallasmallPALLA di Paolo Bacilieri (Hollow Press, 2016)
Palla vive di una narrazione alchemica che pretende di unire storie distanti non attraverso rimandi e soluzioni grafiche (il tema grafico della palla infatti non compare mai nel racconto biblico), ma creando un dialogo tra i temi e le sensazioni che compongono la storia. Così la vicenda di Fabrizio diventa un racconto spirituale e la resurrezione di Gesù Cristo un racconto erotico, sino a raggiungere una compenetrazione delle tematiche che all’inizio paiono distinte ma che infine sembrano far parte dello stesso mondo.
Clicca qui per leggere tutta la recensione.

lamedusasmallLA MEDUSA di Roberta Scomparsa (Canicola Edizioni, 2016)
Tutto è raccontato con una classica tavola da sei vignette che la Scomparsa utilizza con abnegazione, tant’è che anche nel caso di immagini che si modulano su più spazi, la divisione delle vignette viene mantenuta. La storia mantiene così un ritmo stabile, che la Scomparsa si diverte a far sbandare per qualche istante con vignette rotonde, tagli diagonali, persino una vignetta strettissima che si infila letteralmente tra le tette di una bagnante. È un avanzamento metodico che ci conduce con sicurezza verso il cuore del racconto, che non sta tanto nella scoperta del sesso, quanto l’aver scorto la possibilità che cose strane, ridicole o imbarazzanti possano in qualche modo piacerci.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

danieletraglialberismallDANIELE TRA GLI ALBERI di Francesco Saresin (Canicola Edizioni, 2016)
Ci sono dei momenti in cui un critico deve prendersi la responsabilità dei suoi pregiudizi, quindi dico con un poco di vergogna ma senza perdere l’onore che, dopo averlo aperto distrattamente, avevo riposto Daniele tra gli alberi in fondo alla pila dei fumetti da leggere, una posizione che solitamente relega i libri in un limbo da cui li può salvare solo una cosa: finire i fumetti da leggere e raschiare il fondo del barile per non andare in astinenza. Lo so, è una cosa brutta da dire, figuratevi da fare. Però ora sono qui e ammetto il mio errore, perché il fumetto d’esordio di Francesco Saresin si è rivelato inaspettatamente bello e non banale come immaginavo.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

Dal mese di dicembre ho cominciato a collaborare con Fumettologica. Si comincia con la recensione di Locke & Key. 

lockekeysmallLOCKE & KEY #1-6 di Joe Hill e Gabriel Rodriguez – Traduzione di Stefano Formiconi (Magic Press, 2009-2016)
Joe Hill tortura al rallentatore la famiglia Locke, li fa sprofondare nel dolore (la morte violenta del padre), gli dà una via facile per la felicità (le chiavi), li fa perseguitare da un demone, rivanga nel passato, mostra qualche spiraglio di felicità per poi ribaltare la situazione e farli ripiombare nel dolore. Non è però un gioco. Hill prende sul serio il percorso emotivo di ogni personaggio e gli costruisce un cammino pieno di pericoli e insidie ma in cui è sempre ben visibile una felicità reale e raggiungibile, a patto di affrontare un percorso di redenzione.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Fumettologica.

E in un periodo di classifiche e consigli di lettura, su Critica Letteraria mi sono messo a fare il Grinch, dandovi alcuni buoni motivi per non regalare un libro a Natale. Ve lo spiego con pressapochismo e zero voglia a questo link.

Rufolo | Benvenuti a Tonettoland: funny animals, paesaggi bianchi e sorrisi stupidi

Ripenso alla mia prima lettura dei Peanuts, di Doonesbury, delle Sturmtruppen, di quella sensazione immediata di sentirsi parte di un mondo dopo quattro o cinque vignette. Ci si inserisce da subito in un gruppo, ci si orienta nei luoghi e nei legami, si scelgono gli amici, i nemici e chi ci è indifferente: Rufolo fa lo stesso effetto. Bastano le prime cinque pagine del fumetto di Fabio Tonetto per varcare la soglia di un mondo nuovo ma capace di creare con noi un legame istantaneo. Tutto parte da un character design dalle forme rassicuranti che si rifà ai funny animals e che Tonetto sintetizza in un’unica soluzione unendo le forme e l’umorismo dei vinyl toys con il carattere rasserenatore ma lievemente inquietante dei giocattoli degli anni Sessanta. Ricrea sulle pagine un’atmosfera familiare con cui leghiamo istantaneamente, senza proporci però nemmeno un briciolo di odiosa nostalgia, di ruffiano vintage. Perché se è vero che ad aprire Rufolo per la prima volta pare di trovarsi davanti alla vetrinetta in cui la nonna proteggeva il servizio bello e dove trovavano rifugio bomboniere, animaletti in vetro di Murano, matriosche, souvenir estivi e l’immancabile Madonna di Lourdes, è anche vero che si ha anche la sensazione di ritrovarsi trasportati in un mondo parallelo, sospeso nello spazio e nel tempo che non ha legami con il nostro universo e non mira nemmeno ad averne.

Fabio Tonetto ci cattura con un sentimento che scaturisce dal ricordo infantile di forme rassicuranti, e poi ci porta su un altro pianeta dove tutto ciò che conosciamo non esiste e dove la nostra logica non ha potere. Rufolo parte con l’essere un luogo della memoria ma poi diventa un ambiente che dobbiamo imparare a conoscere, in cui dobbiamo adattarci. I paesaggi che fanno da sfondo alle storie per esempio, sono l’infinito spazio bianco della pagina, delimitato sì dal perimetro del foglio, ma potenzialmente infiniti nella loro profondità. Così i personaggi attraversano questi paesaggi bianchi in lungo e in largo, li percorrono camminando, correndo, a testa in giù oppure in volo, in un mondo che non si pone barriere spaziali e contemporaneamente in un fumetto che ne abbatte le coordinate, limitando l’uso di riferimenti spaziali ed eliminando qualsiasi gabbia, preferendogli una struttura libera che non incasella azioni e movimenti.

rufolo2

Facendo tesoro della sua attività di animatore, Fabio Tonetto dona ai suoi personaggi movimenti in grado di rappresentarli, e li rende poi fluidi all’interno della struttura della pagina. Senza alcuna gabbia a circoscrivere il loro raggio d’azione, i personaggi di Rufolo sfruttano un dinamismo liquido che, pur nella loro apparente staticità, li rende elementi continuamente soggetti a trasformazioni e a un moto perpetuo. Di conseguenza la quasi totale eliminazione di punti di riferimento spaziali rende la pagina bianca un luogo in cui qualsiasi ambiente può esistere. Oppure no.

Oppure è una semplice pagina bianca. Perché Rufolo è fatto così, preferisce sia essere che non essere, e l’unica scelta che Tonetto fa è di non darci coordinate che possano portarci a risposte certe. Lo fa proponendoci un umorismo che trova il suo punto di forza nelle sterzate improvvise che Tonetto fa prendere alle storie, alle gag, ai dialoghi e alle sequenze slapstick. Tonetto ci guida dapprima sulle strade sicure di plot classici, facendoci presagire una svolta improvvisa che però non è mai quella che avevamo pensato noi. Non è mai la strada più facile, e a volte non è nemmeno la più divertente. E’ invece quella che l’autore decide di percorrere per dare a Rufolo uno spettro emotivo ricco e renderlo qualcosa di più interessante e strutturato.

rufolobrucomela

Infatti è facile dare a Rufolo del surreale. Tonetto non vuole limitarsi a modificare la nostra realtà, a estremizzarla, a piegarla alle sue idee, preferisce invece creare un mondo nuovo che può plasmare a suo piacimento. Il nutrito cast di personaggi che popola il suo libro risponde infatti a regole del tutto nuove, segue leggi morali, fisiche, chimiche e geografiche diverse dalle nostre. Un’idea di mondo dove le logiche personali convivono su un terreno dove non ci sono scontri ma naturali mediazioni. Nel mondo di Rufolo sono tutti profondamente amici, e come tali non danno valore relazionale alle pazzie altrui, all’inquietante ferocia, alla sottile perfidia, alla naturale generosità e alla malinconia che travolge le loro giornate. Tutti sopportano i difetti e i comportamenti estremi degli altri, li comprendono in quanto prodotto di una rincorsa alla felicità cui tutti sembrano prendere parte. Sono concentrati a raggiungere una felicità immediata, egoistica e probabilmente effimera – d’altronde ne esistono davvero altri tipi? – ma quando le cose vanno male (e vanno male quasi sempre) il mondo non gli casca da sotto i piedi. Rimangono lì, con le loro zampe ben piantate nel bianco invisibile della pagina. Con il loro mondo assurdo tutto attorno e un orgoglioso stupido sorriso che è l’unica vera e reale conquista a cui possono e possiamo ambire.

Rufolo
di Fabio Tonetto
Eris Edizioni, 2016
104 pag.

Gigahorse #9 | Ottobre 2016

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo.

tumultosmall2TUMULTO
di Alice Milani e Silvia Rocchi (Eris Edizioni, 2016)
Due ragazze, una moto e un viaggio nei Balcani per raggiungere la Drina e chiudere i conti col passato. Per fortuna Tumulto non è né una guida turistica né un diario di viaggio, ma la storia di un’amicizia e delle piccole tensioni che la attraversano. Non ci sono melodrammi e non si cerca di sdrammatizzare, ci sono solo le piccole schermaglie che crescono, si confondono e spariscono nel paesaggio. E c’è pure la recensione.

aqualungsmall2AQUALUNG
di Jacopo Paliaga e French Carlomagno (Bao Publishing, 2016)
Lettura davvero divertente quella di questo volume che raccoglie la prima stagione del webcomic Aqualung. La sceneggiatura incastra bene i misteri che avvolgono Cold Cove, ma quello che conquista di più sono le dinamiche tra i personaggi. Holly è una protagonista forte e in crescita, capace di una affascinante antipatia. Azione, mostri, qualche battuta, qualche mistero che si risolve e cento altri che vengono a galla: davvero una lettura divertente.

tractsmall2TRACT
di Shintaro Kago (Hollow Press, 2016)
Mi piace come Shintaro Kago miri sempre a espandere quei concetti che gli sono cari. Ad esempio il filone dei giganti robotici iniziato con Super Conductive Brains Parataxis, continuava con una breve comparsata in un racconto a fumetti contenuto in Fraction ed è stato definitivamente (?) approfondito e ampliato in Industrial Revolution and World War, Con Tract l’autore giapponese approfondisce un discorso cominciato su un fumetto breve sempre comparso in Fraction. C’entrano tutti i fili che ci portiamo sottopelle, che siano vene, spaghetti o cavi elettrici. Per saperne di più leggetevi la recensione e non annoiatemi ulteriormente.  

lamedusaLA MEDUSA
di Roberta Scomparsa (Canicola, 2016)
Esordisce in casa Canicola edizioni la nuova collana Henry Darger, ovvero spillati con storie brevi di autori esordienti.
Roberta Scomparsa (del collettivo Doner Club) ci racconta una storia di preadolescenza e vacanze al mare, lo scenario perfetto per narrarci la repulsione e l’attrazione verso il corpo (proprio e degli altri). E la Scomparsa lavora bene sulle sensazioni concentrandosi sui corpi (delle ragazze ma anche degli adulti) imbarazzanti, goffi, da cui ci è però impossibile staccare lo sguardo (a costo di sentirci un poco sporchi).

dexterwardsmall2IL CASO DI CHARLES DEXTER WARD
di I.N.J. Culbard – Traduzione di Giorgio Saccani (Magic Press, 2015)
Il caso di Charles Dexter Ward
è il miglior adattamento che Ian Culbard ha realizzato dai racconti di H. P. Lovecraft. L’autore riesce a scrollarsi di dosso la voce del narratore originale e crea una struttura più dinamica (più dialoghi, qualche flashback, estratti dalle lettere) per raccontare la storia. La struttura regge e come sempre Culbard dà il suo meglio nelle sequenze mute, dove senza il peso delle parole, riesce a essere davvero evocativo.

rufolosmall2RUFOLO
di Fabio Tonetto (Eris Edizioni, 2016)
Facile dare a Rufolo del surreale. C’è invece il racconto di un’altra realtà con regole proprie e che non vuole avere nulla a che fare con la nostra. I bellissimi paesaggi sono enormi distese di bianco, i personaggi rifuggono dalle leggi morali, fisiche, chimiche e geografiche. L’atmosfera del racconto è originale, straniante, nuova. E fa anche ridere con un umorismo capace di avventurarsi per strade non ancora battute. Ma bando alle ciance e leggetevi la recensione.

harleyquinn15SUICIDE SQUAD / HARLEY QUINN #15
di AA.VV. – Traduzione di Matteo Mezzanotte (Rw Edizioni, 2016)
Harley Quinn conclude la sua avventura hollywoodiana con un divertente team-up tra con Deadshot. Jimmy Palmiotti e Amanda Conner scrivono ancora un numero praticamente perfetto, capace di miscelare ironia, azione ed erotismo. E John Timms è l’uomo perfetto per disegnare questi tre elementi.
Finalmente la Suicide Squad di Sean Ryan riesce a darci un numero decente, peccato che ci si stia avviando verso il finale. L’idea di una Amanda Waller costretta a stare dall’altro lato della barricata funziona ed è ben gestita. Certo, i disegni di Philippe Briones fanno sempre schifo.
Si chiude con questo numero il primo ciclo dei Segreti Sei e se ne apre subito uno nuovo. Quello che viene chiuso si fa ricordare per la capacità di Gail Simone di creare un gruppo coeso e interessante di personaggi, quello che si apre invece decide di focalizzarsi su Black Alice chiamando in aiuto tutto il mondo magico dell’Universo DC. Stiamo a vedere che succede.

armataspaghetto1ARMATA SPAGHETTO #1
di AA.VV. (Sciame, 2016)
Il primo numero di Armata Spaghetto (la nuova autoproduzione di Sciame) è uno spillato antologico di esplorazione urbana, dove gli autori cercano di ricostruire un’epica della provincia attraverso i generi.
Maurizio Lacavalla e Michele Bolzani propongono un western atipico, Francesco Guarnaccia mette in scena la divertente brutalità dei luoghi comuni, Simone Pace è alle prese con un fantasy reatino e Kevin Scauri rende Napoli il teatro di uno scontro tra kaiju. Chiudono il volume due fumetti brevi del Dottor Pira e di Irene Coletto.
Esperimento più che interessante, attendo con trepidazione i prossimi numeri.

shviaggiatorideltempoSHERLOCK HOLMES E I VIAGGIATORI DEL TEMPO
di Sylvain Cordurié e Laci – Traduzione de I Cosmonauti (Editoriale Cosmo, 2016)
Quarto capitolo della saga che lo sceneggiatore francese Sylvain Cordurié sta dedicando al personaggio di Arthur Conan Doyle, questo Sherlock Holmes e i viaggiatori del tempo è un albo che regala un buon intrattenimento e che, rispetto ad altri capitoli della saga, risulta meno sbrigativo. Certo, alcune dinamiche del finale non sempre sono chiarissime, ma la storia coinvolge (anche grazie ai numerosi rimandi a La Mandragora e agli altri albi della serie). Disegni nella norma di Laci , sempre troppo ammazzati dal bianco e nero.

battagliapiopadreBATTAGLIA – Il Pio Padre
di Giulio Antonio Gualtieri e Valerio Nizi (Editoriale Cosmo, 2016)
Torna il vampiro Battaglia creato da Roberto Recchioni e Leomacs con una storia tutta azione che lo vede combattere contro un emissario delle forze del “bene”: Padre Pio. Diverte la serietà con cui Gualtieri affronta la vena dissacrante del personaggio, così come convince l’idea di un episodio poco interlocutorio ma pieno zeppo di combattimenti, inseguimenti e scontri fisici. I disegni di Valerio Nizi estremizzano le espressioni e i caratteri facciali dei personaggi, e si dimostrano sufficienti nelle sequenze più dinamiche (a volte un po’ troppo legnose per i miei gusti). Di Battaglia mi piace sempre un sacco il punto di vista sulla Storia, pragmatico, distaccato e lontano dalle santificazioni postume.

comequandoeravamopiccoliCOME QUANDO ERAVAMO PICCOLI
di Jacopo Paliaga e French Carlomagno (Bao Publishing, 2016)
Così come Aqualung, il primo graphic novel della coppia Paliaga-Carlomagno è una commedia romantica ben scritta e ben disegnata (in pratica tutto quello che non è Il suono del mondo a memoria di Giacomo Bevilacqua). I due autori sono cresciuti e sia la scrittura che il disegno sono notevolmente migliorati. Peccato che a conti fatti Come quando eravamo piccoli si riveli essere tanto ben scritto quanto trascurabile.

west1W.E.S.T. #1 – La caduta di Babilonia
di Xavier Dorison, Fabien Nury e Christian Rossi – Traduzione de I Cosmonauti (Editoriale Cosmo, 2016)
Tra esoterismo e selvaggio west, questa serie della coppia Dorison-Nury diverte e intrattiene con una storia cospirazionista che coinvolge Theodore Roosevelt, Aleister Crowley e una misteriosa società segreta. Trama non originalissima ma ben congegnata, con un paio di colpi di scena ben assestati e un team di personaggi ben assortito (anche se trattato con disparità). Disegni eleganti di Christian Rossi, che non si risparmia con una regia ricca di virtuosismi.

menofwrathMEN OF WRATH
di Jason Aaron e Ron Garney – Traduzione di Andrea Toscani (Panini Comics, 2016)
Ira Rath ha una maledizione centenaria da estirpare e questo è il momento giusto per farlo. I richiami biblici che Jason Aaron usa per questa miniserie gettano un thriller apparentemente nei canoni, all’interno di un vortice nichilista che colpisce per la sua intima violenza da Antico Testamento. Non ci sono speranze, solo capitoli da chiudere; non c’è futuro, solo un passato i cui demoni infestano il presente.

cocktailsanytimesmall2COCKTAILS ANYTIME
a cura dello Studio Pilar (Studio Pilar, 2016)
Terzo capitolo della tetralogia alcolica curata dallo Studio Pilar, questo Cocktails anytime è come i suoi predecessori (qui e qui) una raccolta colorata e multiforme che mette in mostra alcuni dei talenti più interessanti del fumetto e dell’illustrazione. Stupisce la leggerezza e l’atmosfera rilassata che pervade il volume.

suicidesquad16SUICIDE SQUAD / HARLEY QUINN #16
di AA.VV. – Traduzione di MC Farinelli (Rw Edizioni, 2016)
Dopo il temporaneo trasferimento hollywoodiano e il divertente team-up con Deadshot, Harley Quinn torna finalmente a casa. Non fa in tempo a varcare la soglia dell’appartamento che già si ritrova ad affrontare una vecchia nemica e a organizzare l’evasione di Mason Macabre. Dopo ventitre numeri di questa serie, Jimmy Palmiotti e Amanda Conner preannunciano però per il prossimo numero la resa dei conti tanto aspettata: quella tra Harley e il Joker. Sarà la prova del nove della loro gestione del personaggio e della loro capacità di scrittura.
Termina qui la Suicide Squad di Sean Ryan. Gestione deludente ma con gli ultimi numeri è riuscita a risollevarsi grazie al ruolo sempre più centrale e messo in discussione di Amanda Waller. Detto questo niente di davvero notevole (nemmeno nei disegni di Philippe Briones). I Segreti Sei di Gail Simone continuano la loro incursione nel mondo magico della DC, ma è troppo presto per capire se si tratta di una buona storia oppure dell’ennesima idea stravagante dell’autrice.

adamwild24ADAM WILD #24 – L’alba del Novecento
di Gianfranco Manfredi e Sinisa Radovic (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Numero deludente di Adam Wild dopo le buone prove degli ultimi mesi. L’azione è ben gestita ma mancano i personaggi: Lady Winter è caratterizzata in maniera bidimensionale (in questo numero poi è in preda all’isteria), Adam Wild soffre della mancanza di spalle significative, e l’inserimento di Churchill e Gandhi appare fine a sè stesso (e Manfredi ha saputo fare di meglio in passato). Disegni nella norma, noiosi e senza alcun interesse.