Gigahorse #6 | Luglio 2016

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo.

deadpoolcarnageDEADPOOL CONTRO CARNAGE
di Cullen Bunn, Salva Espin e Kim Jacinto (Panini, 2014)
Scontro divertente tra i due pazzi dell’Universo Marvel. Peccato come sempre per il cazzeggio che annacqua la storia, facendole perdere ritmo e mordente, con l’aggravante che – nonostante il tempo perso dietro a cose inutili – il finale risulta pure un poco affrettato. Per fortuna Salva Espin si scatena dando vita a sequenze splatter, mutazioni e combattimenti efferati.

MontagneFolliaALLE MONTAGNE DELLA FOLLIA
di Giovanni Masi e Federico Rossi Edrighi (Star Comics, 2015)
Per la collana I Maestri dell’Orrore edita da Edizioni Star Comics e curata da Roberto Recchioni, Giovanni Masi e Federico Rossi Edrighi firmano un buon adattamento, con una sceneggiatura interessante che rimedia agli errori di Lovecraft e una parte visiva notevole che si distacca dalle consuetudini grafiche degli adattamenti lovecraftiani. Se volete saperne qualcosa di più, potete leggervi anche la mia recensione.

texcapitanjackTEX – CAPITAN JACK
di Tito Faraci ed Enrique Breccia (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Non sono un lettore abituale di Tex. Faccio delle eccezioni solo nel momenti in cui qualche autore che mi piace scrive o disegna il personaggio. E in questo caso ai disegni c’è Enrique Breccia, mica uno qualsiasi. E infatti il suo Tex brilla di luce propria grazie a lunghe sequenze mute, una natura che invade continuamente l’ambiente e una regia misuratissima eppure mai invadente. Tex – Capitan Jack è un albo da leggere la prima volta con i testi  e poi una seconda per assaporare in purezza i disegni di Breccia e il fluire naturale della sceneggiatura di Tito Faraci, che inserisce Tex all’interno di una vicenda storica ed evita appositamente di renderlo in qualche modo non influente per la Storia ma fondamentale per la storia.

ButterflyGateBUTTERFLY GATE
di Benjamin Read e Chris Wildgoose (Improper Books, 2013)
Ma come mi piacciono i fumetti che se ne stanno zitti muti e non si perdono dietro alle parole ma fondano tutta la narrazione esclusivamente sulle immagini. E Butterfly Gate è proprio uno di questi, che riesce anche a raccontare una storia complessa senza mai sbandare. Il problema semmai sta altrove, ovvero che il finale apertissimo fa sembrare questo volumetto nient’altro che un prologo a qualcosa di più corposo. Che però non esiste. Uff.

lockekeyalphaomegaLOCKE & KEY #5 – Ingranaggi
LOCKE & KEY #6 – Alpha & Omega

di Joe Hill e Gabriel Rodriguez (Magic Press, 2015 – 2016)
Quando i King vogliono farti piangere, te lo fanno fare per davvero. Perché chi si lamenta quando quel chiattone di Martin fa crepare qualche personaggio di Games of Thrones, non solo è uno sprovveduto che non ha mai letto NESSUN romanzo, ma soprattutto non ha mai letto niente di Stephen King. Ed è impossibile leggere questi ultimi due volumi di Locke & Key senza farsi scappare delle lacrime perché Joe Hill (che qualcosa dal padre lo ha pure imparato) non ci risparmia niente. Ci sono morti, sacrifici e resurrezioni, ma c’è soprattutto un punto di vista morale che attraversa tutta la produzione di Stephen King e di Joe Hill e che qui si palesa prepotentemente. Perché ancora una volta Hil ci racconta il peso sulle nostre vite delle scelte che prendiamo. Perché un uomo buono da un uomo cattivo lo si distingue solo dalle scelte che compie, non da altro. Non dagli errori, non dalla famiglia, non dai traumi e non dalle paure. Contane solo le scelte. Qui la mia recensione.

sogniSOGNI
di Denis-Pierre Filippi e Terry Dodson (Editoriale Cosmo, 2016)
Se le nudità femminili gratuite possono darvi fastidio, non avvicinatevi nemmeno a Sogni, che tanto più di belle ragazze ben disegnate non troverete. Se invece non avete nulla in contrario a qualche donna nuda e a una storia così esile che nemmeno nasconde di essere solo un pretesto per dare la possibilità a Terry Dodson di disegnare in ogni vignetta una o più ragazze in abiti succinti, fiondatevi senza remore che un po’ di divertimento lo troverete di sicuro.
Stampa non eccellente, purtroppo. I colori sono spenti e qualche tavola risulta fuori fuoco.

Batman46BATMAN #50
di AA.VV (RW Edizioni, 2016
Niente, Snyder continua a fare una fatica boia a trovare un’identità al nuovo Batman. In questi sei numeri la testata sembra essere rimasta in stallo: Jim Gordon non ha ancora trovato il suo modo di essere Batman (e la sua ricerca non è poi così interessante), e non si è ancora capito come mai Mr. Bloom è lasciato ancora nell’ombra. Nonostante le pretese a questo story-arc manca il contesto urbano, solamente abbozzato e mai preponderante. Risultano ancora più interessanti le relazioni politiche del nuovo GCPD e la nuova vita di Bruce Wayne.
Il mese scorso mi dicevo che la nuova run di Detective Comics scritta da Peter J. Tomasi non aveva possibilità di miglioramento. E infatti peggiora. La storia è ridicola sin dalle premesse e per rendere credibile Gordon a confronto con il resto della Justice League si pensa bene di ridurli a una manica di scemi che non sanno combinare nulla.
Numero non esaltante nemmeno per Grayson che però rimane sempre su livelli accettabili grazie a una trama sempre intrigante (e intricata) e a dei disegni capaci di mettere in mostra le capacità acrobatiche del vecchio Dick.

oltremondoOLTREMONDO
di Laurence Engraver (Hollow Press, 2016)
In vista della pubblicazione della serie Aberration, Hollow Press pubblica la tesi di laurea allo IED di Roma di Lorenzo Baroni AKA Lawrence Egraver. Stupisce non solo il tratto sicuro e affascinante dell’autore, ma anche la sua sicurezza come narratore. Fatemi fare le ferie e poi arriva la recensione.

catwoman46IL CAVALIERE OSCURO #44
di AA.VV. (RW Edizioni, 2016)
Batman e Robin Eternal è davvero un grande omaggio alla figura di Robin. Lo è sin dalla scrittura: tanto era statica e colma di indagini la precedente Batman Eternal, tanto è dinamica e funambolica questa Batman e Robin Eternal. Le cose si fanno sempre più intricate ma James Tynion IV sembra avere la situazione in pugno grazie a una gestione dei personaggi davvero ben fatta, capace di far emergere in maniera naturale le personalità di tutti gli aiutanti del Crociato Incappucciato.
Dopo sei numeri introduttivi (di cui non si è mai sentita la pesantezza) sembra che con We are Robin sia finalmente arrivato il momento di entrare nel vivo dell’azione. Lee Bermejo ha predisposto tutto: ci sono i personaggi, c’è l’ambientazione urbana, c’è il loro mentore e c’è anche il cattivo. Attendo il prossimo numero per capire dove andrà a parare la storia.
Finisce qui la gestione di Catwoman a opera di Genevieve Valentine ed è un vero peccato perché si è rivelata inaspettatamente una delle cose meglio scritte di questo New52. La Valentina ha costruito una saga profonda e interessante, che vedeva Catwoman diventare Selina Kyle, la signora del crimine di Gotham, e poi ritornare nei panni della Gatta. Il tutto con una naturalezza davvero esemplare e un cast di comprimari davvero ben orchestrato. Fondamentale per il lavoro della Valentine è stato David Messina, capace di traghettare il personaggio dal tratto spigoloso e nervoso di Garry Brown a un tratto più deciso e arrotondato perfetto per descrivere il ritorno di una Catwoman forse meno sensuale e dalle forme meno prorompenti di un tempo, ma più completa e complessa come personaggio.

UT4UT #4 – Gli uomini se ne vanno, gli arrabbiati restano
di Corrado Roi e Paola Barbato (Sergio Bonelli Editore, 2016)
L’universo di UT è in continua espansione. Superata la metà, la serie firmata da Roi e Barbato non dà segno di calmarsi per cercare di risolvere i numerosi enigmi ma anzi, pur facendo avvicinare i personaggi a una qualche verità, continua ad allargare i propri orizzonti aggiungendo nuovi personaggi, nuovi luoghi, nuovi spunti. Vedremo come i due autori riusciranno a far convivere negli ultimi due numeri il bisogno di creare un universo continuamente modellabile con la chiusura delle piste narrative aperte. 

papergirls6PAPER GIRLS #6
di Brian K. Vaughan e Cliff Chiang (Image Comics, 2016)
Dopo una pausa di qualche mese torna Paper Girls con un numero di transizione che pone le basi per questo nuovo ciclo. Non che i colpi di scena manchino: Vaughan è ancora nella fase incasino tutto che tanto lo so che vi piace, e come si fa a dargli torto, Soprattutto in un numero “minore” come questo, dove lo sceneggiatore ha il tempo di concentrarsi sulle minuzie dei suoi personaggi?

REPUBBLICACATCHLA REPUBBLICA DEL CATCH
di Nicolas De Crécy (Eris Edizioni, 2016)
Com’è il manga di De Crécy? Rispetto a Il Celestiale Bibendum, La Repubblica del Catch è un libro leggero, divertente e pieno d’azione, anche se meno complesso a livello narrativo. Tornano alcune ossessioni di Dè Crecy (teste mozzate ma ancora in vita, una città che sovrasta il protagonista,  un animale muto con speciali abilità, pianoforti a motore) ma il tutto con un disegno meno pittorico e in una struttura molto classica che non mira a disorientare il lettore. La cosa che però stupisce è come De Crécy riesca a inserire anche in una storia semplice come questa, un sottotesto politico davvero forte e incisivo, amplificato da un finale stupefacente e doloroso, forse l’unica trovata narrativa forte e inaspettata del volume. Segue recensione.

deadpool2099DEADPOOL #62 – 63 – 64
di  AA.VV. (Panini Comics, 2016)
Andiamo con ordine che la carne sul fuoco questo mese è tanta, tra serie regolare, numero commemorativi e collaborazioni con altri eroi. Sul numero #62 la serie regolare ha una bella accelerata grazie allo scontro con Madcap, davvero divertente e ben orchestrato. Gerry Duggan tira fuori dal personaggio anche una nota malinconica (anche se sempre virata verso l’esagerazione tipica di Deadpool) che convince e che pare verrà esplorata nel prossimo futuro.
Col numero #63 facciamo invece un salto nel futuro. Deadpool 2099 è davvero una sorpresa, non tanto per lo scenario futuristico quanto per l’inconsueta dinamica che sconvolge il personaggio. Il rapporto conflittuale tra padre e figlia mantiene i livelli di follia della serie ma pulsa di un realismo davvero interessante. Menzione d’onore ai disegni di Scott Koblish (bellissima la tavola col primo piano del nuovo Deadpool). Comincia anche la serie team-up tra Deadpool e Spider-man. Questo primo numero riepilogativo non mi ha detto granché e la dinamica tra i due eroi mi ha già stufato.
Oltre al settimo episodio della serie regolare (in cui tutto è regolare, per quanto possa esserlo Deadpool), nel numero #64 troviamo sei mini-fumetti realizzati per i venticinque anni del personaggio e dedicati a ognuno dei componenti dei Mercenari per Soldi. I miei preferiti? Quello su Terror, su Slapstick e su Masacre.

fantebukowskiFANTE BUKOWSKI
di Noah Van Sciver (Coconino Press, 2016)
Questo mio primo incontro con Noah Van Sciver mi ha convinto. Fante Bukowski non lascia forse il segno, ma ha il merito di mostrare le capacità narrative di Van Sciver. Non tanto per la trama che costruisce intorno al personaggio (quasi del tutto nulla), quanto per il modo in cui riesce ad averne una visione simultanea. Ne rimane distante prendendo in giro la sua mediocrità con una satira attorno a chi vorrebbe essere uno scrittore maledetto, ma al contempo gli è molto vicino, partecipando alla sua disperazione con una sensibilità notevole.

lanavedeifolliLA NAVE DEI FOLLI
di Marco Taddei e Michele Rocchetti (Orecchio Acerbo Editore, 2016)
Non un fumetto ma un libro illustrato scritto dallo sceneggiatore di Anubi e disegnato da Michele Rocchetti, i cui disegni sembrano delle vetrate medioevali illuminate da luci al neon. La storia è quella di un gruppo di scarti della società che parte per un lungo viaggio per dimostrare che la Terra è rotonda. La nave dei folli è una storia d’avventura sgangherata, un racconto picaresco sulla necessità dei matti e della follia. Datemi un po’ di tempo che ve lo racconterò meglio in una recensione.

Annunci

Gigahorse #2 | Marzo 2016

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo.


inthepinescrowIN THE PINES – 5 murder ballads
di Erik Kriek (Eris Edizioni, 2016)
Dopo aver adattato alcuni racconti di Lovecraft nella raccolta Da altrove e altri racconti (sempre edita da Eris), Kriek abbandona la pagina stampata e passa alla musica adattando cinque famose murder ballads. Libro molto intenso e non meno terrificante del precedente. Potete rendere più piacevole la lettura della mia recensione, ascoltando le canzoni che l’autore ha trasformato in un fumetto (qui in una comoda playlist, com’è d’uso tra i giovani).

.


HQ1SUICIDE SQUAD / HARLEY QUINN #10
di AA.VV. (RW Edizioni, 2016)
Non è un mistero che Harley Quinn è una delle serie che seguo con più piacere. Sono da sempre un grande fan di Palmiotti (bellissimo il suo Jonah Hex) e la coppia che forma con la moglie Amanda Conner nella gestione di questa testata mi ha sempre convinto, tra umorismo, sensualità e azione fuori dal comune. Tutto questo comunque non salva lo Speciale di San Valentino pubblicato su questo numero: divertente ma nulla di che. Continuo invece a schifare questa Suicide Squad. In dieci numeri non c’è stato un momento degno di nota, né con i disegni né con la scrittura. Sorpresa invece per i Segreti Sei di Gail Simone. Non sono un grande estimatore della sceneggiatrice (la sua run su Batgirl non ha mai preso il volo, funestata anche da crossover e un paio di licenziamenti), ma qui mi sta davvero convincendo. Staremo a vedere. Promosso a metà anche a Ken Lashley, segno sporco al punto giusto che però ogni tanto sfocia nel pressapochismo.


QuintoVangelo1IL QUINTO VANGELO #1 – L’antro del Cerbero
di Jean-Luc Istin e Thimothee Montaigne (Editoriale Cosmo, 2016)
Leggo con qualche mese di ritardo questo numero uno. Lo leggo soprattutto dopo aver già letto il numero due. Dentro di me mi dicevo che le prime venti pagine erano incomprensibili (e addossavo la colpa alle sceneggiature non proprio di ferro dei fumetti della serie Weird Tales), e infatti quando l’ho messo in libreria mi sono accorto che mi mancava il primo albo. E adesso che l’ho letto ho colmato i buchi narrativi e posso dire con più sicurezza che comunque non mi è piaciuto. Le storie di intrighi e complotti non sono proprio il mio genere.

.


RG25RATMAN GIGANTE #25
di Leo Ortolani (Panini, 2016)
Comincia qui l’Esalogia delle Origini. Un bel nome altisonante, vero? Finalmente il Leo comincia a fare sul serio con una storia dal respiro più ampio e dalle ambizioni raddoppiate.

.


JimboBATMAN #46
di AA.VV (RW E

dizioni, 2016)
Prosegue l’avventura di Jimbo Gordon nei panni del Batman corazzato per la lotta contro i criminali e la burocrazia. Arrivato al secondo numero la saga di Snyder diverte, ma i colpi di genio sono lontani. Se ci mettiamo anche un Capullo abbastanza svogliato e incapace di disegnare qualsiasi donna (avete riconosciuto Maggie Sawyer?), la situazione non migliora. Staremo a vedere.
Su Il Cavaliere Oscuro invece le cose vanno meglio. Manapul e Buccellato danno al vecchio Bullock il ruolo che si merita da anni. Tra i sospetti nei confronti della ex collega Montoya  e una toccante bromance tra lui e Gordon, la testata sta vivendo un buon momento.
Su Grayson invece parte un nuovo arco narrativo che vede il fu Nightwing coinvolto in un misterioso complotto. Non cambiano gli elementi cardine della serie: azione, sensualità e qualche battutina. Ormai è una certezza.


PaperGirls5PAPER GIRLS #5
di Brian K. Vaughan e Cliff Chiang (Image Comics, 2016)
Ecco arrivato il momento in cui il buon Vaughan dà un colpo di coda e trasforma il microcosmo della serie in qualcosa di più grande, più misterioso e più pericoloso di come ce l’eravamo immaginato. Fino al numero precedente ero spaventato dall’imminente salto nel vuoto (ma sono un conclamato vigliacco che evita persino il Brucomela), eppure la tavola che chiude il numero cinque mi ha così elettrizzato che non vedo l’ora di scoprire cosa ci riserva il Futuro.

.


firstyearhealthyFIRST YEAR HEALTHY
di Michael DeForge (Drawn & Quarterly, 2014)
Quello che mi piace di DeForge è che se ne fotte dell’equilibrio narrativo delle sue storie. Ma non è un autore/accumulatore che trova il senso del suo racconto nell’amalgama di elementi, DeForge vede nel gesto del lettore di girare la pagina, l’occasione per fargli trovare davanti qualcosa di inaspettato: una nuova svolta narrativa, un cambio di genere, una mutazione improvvisa nello stile del disegno. E anche First Year Healthy conferma questa sua dote. Un fumetto in continua trasformazione, che non ha paura di risultare disequilibrato e che riesce persino a essere emozionante e profondissimo in un modo tutto suo.
.


Revival3REVIVAL #3 – Un posto lontano
di Tim Seeley e Mike Norton (Saldapress, 2016)
Mentre si scopre qualche verità e si aprono nuovi interrogativi, Revival continua a convincermi. Mi piace soprattutto la scrittura di Seeley e quel suo modo tutto strano di procedere senza una direzione vera e propria. Seeley non si prefigge di trattare una tematica, ma sembra seguire le sorti dei suoi personaggi per tracciare l’identità della serie. Certo, ogni tanto sbanda e le cose funzionano pochino (in questo numero per esempio tutta la vicenda di May Tao è davvero poco convincente e chiusa con uno spiegone immenso) però quando tutto va per il verso giusto, si hanno momenti potentissimi e colpi di scena decisamente ben fatti.
.


xenozoic1XENOZOIC #1 – Cadillac e dinosauri
di Mark Schultz (Editoriale Cosmo, 2016)
Sì, è proprio il fumetto da cui hanno tratto quel videogioco là e quel cartone animato là. Ed è più bello di quello che pensate. Ma bello davvero, un fumetto che sta a metà tra la narrazione vintage un po’ granitica (tanti dialoghi e tante didascalie ad effetto) e un tratto semplice ma potente che si concentra su muscoli e pose (poco importa che siano di omaccioni, donnone, macchine o dinosauri). Divertentissimo oltre ogni limite.

.


SputatrevolteSPUTA TRE VOLTE
di Davide Reviati (Coconino Press, 2016)
Difficile tenere in piedi un libro così. Non solo per l’evidente lunghezza, ma per quello che ci butta dentro (adolescenza, provincia, zingari, amicizia, scoperta del mondo adulto, violenza) e come lo butta dentro (scene oniriche, racconto storico, salti temporali). Difficile mantenere l’equilibrio ma Reviati compie il miracolo e il suo Sputa tre volte è un libro solido con solo qualche piccolo difetto. Nonostante questo però, la scintilla non è scattata.

.


AW18ADAM WILD #18 – La corsa degli struzzi
di Gianfranco Manfredi e Massimo Cipriani (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Primo episodio di una storia in due parti che si preannuncia essere divertente tanto quanto la trasferta londinese (finora il momento migliore della serie). La scrittura leggera di Manfredi oscilla tra il settaggio di complotti e intrighi e una fedeltà storica che non è mai un fardello per il racconto. Massimo Cipriani nella norma Bonelli. Peccato perché la gara con gli struzzi sarebbe potuta essere più divertente.

.


Providence1

PROVIDENCE #1
di Alan Moore e Jacen Borrow (Panini Comics, 2015)
Alan Moore affronta Lovecraft di petto e ne esce fuori un fumetto stratificato dove il citazionismo e la rielaborazione della mitologia e delle atmosfere dello scrittore rivivono sotto luce nuova. Providence diventa per Moore l’occasione per riflettere direttamente sull’opera di Lovecraft, operazione che lo sceneggiatore mette in atto grazie a un protagonista che ricalca manie, ossessioni, paure e segreti dello scrittore, che prendono vita bilateralmente tramite le azioni descritte nel fumetto e attraverso le pagine del diario personale che ne approfondiscono la psicologia.
Alan Moore fa un buon lavoro, ma è stato Jacen Borrow a conquistarmi con la disposizione verticale delle tavole, perturbante e misteriosa.


WAR1IL CAVALIERE OSCURO #39
di AA.VV. (RW Edizioni, 2016)
Comincia con questo numero il nuovo assetto dell’antologico Il Cavaliere Oscuro. Si parte dal We are Robin di Lee Bermejo, che convince subito per l’idea interessante e la scrittura davvero fresca tarata su un pubblico di adolescenti (ma priva di qualsiasi arruffianata). Attendo di leggere gli sviluppi.
Continua invece la gestione di Catwoman da parte di Genevieve Valentine, che ha saputo ridare nuova linfa in un personaggio purtroppo rimasto ostaggio per troppi anni di una tutina attillata. E infatti – complici gli avvenimenti di Batman Eternal – la Valentine gliel’ha tolta e l’ha fatta diventare la signora del crimine di Gotham (da premiare anche il bel character design di Garry Brown che ha evitate le classiche forme morbide a favore di una certa spigolosità). Ora però è arrivato il momento di farle rivestire i panni di Catwoman e la scommessa dell’autrice sarà quella di far convivere le due anime del personaggio.
Chiude il volume la prima parte del terzo annual di Batman e Robin. Damian Wayne e il suo paparino decidono di andare a fare una gita sulla Luna. No. Davvero. No.


SuperConductiveBrainsParataxisSUPER CONDUCTIVE BRAINS PARATAXIS
di Shintaro Kago (Star Comics, 2016)
Questo lavoro che precede di una decina di anni il recente Industrial Revolution and World War (che ne riprende tematiche e suggestioni visive) è forse un poco immaturo e qua e là impreciso nelle sue intenzioni, con una divisione tra intrattenimento e riflessione che non trova mai un’amalgama perfetta. Super Conductive Brains Parataxis è comunque un lavoro interessante e visivamente ricco. Seguirà recensione, prima o poi.

.


UT1UT #1 – La via della fame
di Corrado Roi e Paola Barbato (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Il progetto della vita di Corrado Roi vede finalmente la luce grazie alla collaborazione della Barbato, che dagli appunti del disegnatore ha tirato fuori una storia che si svela poco a poco. Misterioso e affascinante, questo primo numero di UT è per ora una scommessa vinta (e lo dice uno che non apprezza particolarmente Roi): niente di sperimentale ma scrittura e disegni funzionano bene. Difficile capire come si evolverà la serie, ma rimarrò a bordo fino all’ultimo numero.
Ho letto l’edizione da fumetteria, approfittando della presentazione in anteprima dell’albo (qui trovate il mio resoconto). Tolta la copertina di Mari e la relativa intervista, i contenuti extra sono di fatto le schede dei personaggi, una cosa di cui sinceramente non me ne frega niente visto che i personaggi li ho già conosciuti leggendo la storia nella mezzora precedente. Pensare a qualcosa di meglio no?