Gigahorse #13 | Febbraio 2017

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo.


DEADPOOL #14-15-16
di Autori Vari – Traduzione di Luigi Mutti (Panini Comics, 2016)
Deadpool: un giorno di straordinaria follia
è una miniserie in quattro numeri fatta per far interagire tra loro Daredevil, Luke Cage, Iron Fist e il già citato Deadpool. Convince di più della serie regolare e di tanti dei suoi derivati grazie a una buona dose di azione e una trama raccontata nello spazio giusto. Poi ecco, rimane ben lungi dall’essere una cosa che rileggerei volentieri. Il sedicesimo numero dell’albo dedicato al deadpoolverse si apre invece con il crossover tra il mercenario incappucciato e Doctor Strange. Ci ho capito poco nulla ma è stata una lettura divertente, almeno fino a quanto Duggan ha piazzato dentro a caso una scena introspettiva per farci capire quanto è sensibbile Deadpool. Si prosegue con lo speciale di Natale in coppia con Hawkeye: è inutile come sembra. Idem anche l’holyday special con protagonista Gwenpool.

LA SOFFITTA
di AkaB e Squaz (Passenger Press, 2017)
Misterioso e inquietante questo nuovo fumetto di AkaB e Squaz, un horror allucinato che cerca spiegazioni ma trova solo domande e dubbi a cui trovare risposta. I disegni infernali di Squaz ci fanno piombare nella mente confusa di un uomo e traccia i contorni di ossessioni e paure con la sicurezza di chi è capace di evocarne i fantasmi che teniamo dentro. E le parole di AkaB non sono una mera appendice ai disegni ma li integrano con una prosa di pari forza, dolorante e intensa, capace di illuminare intensamente parti di assoluta oscurità. 

DOGMA – Il segno dei tempi
di Stephane Betbeder ed Elia Bonetti – Traduzione de I Cosmonauti (Editoriale Cosmo, 2015)
Thriller mistico di buon intrattenimento, che dispiega la sua storia in maniera chiara senza i soliti garbugli tipici dei fumetti francesi sui complotti. Un po’ troppo verboso per renderla davvero una lettura divertente, ma i disegni di Elia Bonetti alleggeriscono il ritmo con una regia ben controllata.

CROCEVIA
di Yoshihiro Tatsumi – Traduzione di Vincenzo Filosa (Coconino Press, 2016)
I personaggi di Yoshihiro Tatsumi si perdono per la città alla ricerca di un finale per le loro vite. Non un lieto fine, si accontentano di un evento che riesca a distruggere la loro vita sociale così da renderli finalmente liberi di dare sfogo alle proprie ossessioni. Quelli di Crocevia sono racconti disperati, di una follia urbana che ingabbia e stritola sogni e speranze. Tatsumi colpisce duro, ma lo fa stando sempre dalla parte dei suoi protagonisti e accompagnandoli passo dopo passo nelle notti elettriche e spaventose del Giappone degli anni Sessanta.

SOFT CITY
di Hariton Pushwagner (The New York Review of Books, 2016)
Raccontare la vita di una moderna metropoli con i suoi ritmi e i suoi schemi non è cosa nuova, Pushwagner lo fa però con una disciplina e abnegazione verso uno stile che gli permette di portare fino in fondo la sua idea di un mondo fatto di vite fotocopiate, coreografie militari e linee parallele. E questo Soft city (fumetto perduto e poi ritrovato per caso) riesce persino a essere uno dei lavori più intimamente sconvolgenti che ho letto quest’anno, vuoi per il formato immersivo del volume, vuoi per lo stile di Pushwagner che ingabbia lo sguardo nei tracciati prestabiliti dalla società. Uso raramente parole importanti, ma questa volta è il caso: imprescindibile.

LA VERA STORIA DI LARA CANEPA
di Giacomo Nanni (Coconino Press, 2010)
Questa storia di maternità immaginata ha un incedere onirico che pone però le sue basi in un realismo spiazzante fatto di reazioni lente e transizioni temporali dilatate. Con una recitazione e un ritmo così naturali, il tratto scarno e iper espressivo dei disegni di Nanni e l’uso dei retini e delle pattern (a volte psichedelico, altre portatore di una sana quotidianità), creano un contrasto affascinante e un ambiente di lettura adatto per entrare in sintonia con le emozioni dei personaggi. Emozioni strane, misteriose e quasi sempre inafferrabili.

GROSSO GUAIO A CHINATOWN #1 – Le nuove avventure
di Eric Powell e Brian Churilla – Traduzione di Giovanna Falletti (Editoriale Cosmo, 2017)
Questo sequel ufficiale a fumetti del film di Carpenter si innesta senza troppi problemi sia alla trama che al mood della storia. Powell scrive una sceneggiatura divertente, piena di umorismo becero, qualche bella idea (le scene con le ex mogli di Jack Burton) e sequenze di azione, il cui unico grande difetto è l’eccessiva decompressione. Lo stile cartoonesco di Churilla potrà all’inizio far storcere il naso, ma dimostra di essere una scelta interessante per mantenere i toni eccessivi del racconto. Peccato però che non stupiscano mai davvero, né durante i combattimenti né nelle sequenze slapstick.

LE AVVENTURE DI TINTIN
Il loto blu – L’orecchio spezzato – L’isola nera
di Hergé – Traduzione di Giovanni Zucca (allegato RCS, 2017)
Sulle avventure di Tintin nessuna anticipazione perché sto realizzando un diario di lettura. Non sono recensioni ma solo pensieri sparsi, appunti, azzardi e arrampicate sugli specchi per cercare di tirare fuori qualcosa di nuovo e di diverso da un personaggio che ha prodotto più saggistica che merchandising. Trovate tutti i tentativi qui

DELETE #1-4
di Jimmy Palmiotti, Justin Gray e John Timms (Devil’s due | 1first Comics, 2016)
Questo thriller fantascientifico in quattro numeri intrattiene ma purtroppo non ha abbastanza spazio per sviluppare i rapporti tra i personaggi. Se infatti la trama si dispiega senza troppi problemi tra misteri, colpi di scena e un finale inaspettato, Palmiotti e Gray non sfruttano appieno le potenzialità del legame tra i due protagonisti, legati da un filo di incomunicabilità (lui affetto da un ritardo mentale, lei sordomuta) che rendeva davvero originali le premesse della miniserie. John Timms è l’artista perfetto per la serie, con quel suo tratto pulp che non rinuncia però a una moderna patinatura.

ARMATA SPAGHETTO #2
di aa.vv. (Sciame, 2017)
Avvolto dalla copertina spaziale di Lorenzo Mo, il secondo numero di Armata Spaghetto si apre con Hangry di Kevin Scauri. Dopo i kaiju napoletani del numero precedente, Scauri declina il genere supereroistico in salsa partenopea e dimostra non solo di riuscire a costruire un’ottima storia umoristica, ma anche di costruire un universo originale e ricco. Simone Pace continua il suo lavoro sul fantasy regionale con una storia secca e cruda, e conferma la sua capacità di gestire i toni epici a cui però innesta una componente di spigolosa intimità. Raffaele Sorrentino esordisce invece con il primo episodio di Draconte, una storia di periferia dai toni quasi post-apocalittici. Le premesse sono interessanti, attendo sviluppi. Lacavalla e Bolzani continuano a plasmare il loro mondo meta-cinematografico con Il John Ford Point. Questo secondo capitolo conferma la natura evocativa e misteriosa della serie, grazie a una narrazione affascinante. Potrebbe rivelarsi il lavoro più interessante del lotto. Mecha Suit Laguna di Irene Coletto è invece un piccolo gioiello di umorismo, ma non voglio anticiparvi nulla oltre allo straordinario titolo per non togliervi la sorpresa. In definitiva un secondo numero migliore del primo. A questo punto non vedo l’ora del terzo.

BLOODSHOT REBORN #1 – Colorado
di Jeff Lemire e Mico Suayan – Traduzione di Fiorenzo delle Rupi (Edizioni Star Comics, 2016)
L’universo Valiant mi affascina sempre di più. Questo primo volume di Bloodshot Reborn, perfetto starting point per chi come me non conosce il personaggio, è un fumetto vecchio stile, solidissimo e che va dritto al punto senza perdersi ai margini della trama. Jeff Lemire scrive un Bloodshot combattuto, incapace di essere umano ma altresì impaurito di ritornare schiavo dei naniti. La cosa stupefacente è che la scrittura di Lemire ci porta a empatizzare istantaneamente col personaggio, una cosa che non mi capitava da tempo durante la lettura dei fumetti supereroistici. Buoni i disegni di Suayan ben coadiuvati dai colori di Baron. Peccato solo per il character design di Bloodsquirt, un piccolo passo falso che però pare già essere stato corretto nel numero finale di questo volume (con i disegni superlativi di Raul Allen).

THE SPIRIT #1 – Chi ha ucciso The Spirit?
di Matt Wagner e Dan Schkade – Traduzione di Valeria Gobbato (Editoriale Cosmo, 2016)
Difficile mettersi al lavoro su un personaggio iconico come The Spirit e riuscire al contempo a rimanere fedele all’originale e raccontare qualcosa di nuovo. Matt Wagner riesce a scrivere una storia capace di azione, umorismo e romanticismo, con un mistero che si svela numero dopo numero, con un tono in piena continuità con l’opera di Will Eisner. La gestione dei flashback non convince molto e le visite ai nemici classici del personaggio sono un poco noiose (soprattutto perché sapendo già che Spirit è vivo risultano giusto un divertente fan service), ma la storia fila senza troppi problemi con alcuni buoni momenti (i confronti tra Dolan e la figlia su tutti). Schkade fa un ottimo lavoro ai disegni, riuscendo a replicare la ricercatezza visiva di Eisner ma anche il tono di recitazione dei personaggi.

HARLEY QUINN E LA GANG DELLE HARLEY
di Jimmy Palmiotti, Frank Tieri e Mauricet – Traduzione di MC Farinelli  (RW Edizioni, 2017)
Dimenticabile miniserie dedicata al gruppo di aiutanti di Harley Quinn. La storia va avanti senza troppi problemi ma un cattivo dimenticabile e un gruppo da cui faticano a emergere le singole individualità inceppano il meccanismo in più di un’occasione. Harley Quinn salva spesso la situazione ma poco può fare per contrastare una storia poco ispirata (anche graficamente).

TERMITE BIANCA #1 – Dagli abissi
di Marco Bianchini, Marco Santucci e Patrizio Evangelisti (Editoriale Cosmo, 2017)
Nel primo numero di Termite Bianca, Bianchini e Santucci dispongono sul tavolo tutti gli elementi della storia, pronti a farla detonare nel secondo volume che conclude la serie. Forse queste cento pagine iniziali possono lasciarvi insoddisfatti, ma il lavoro di world building fatto dai due autori è interessante, affascinante e soprattutto emerge dalla trama senza spiegoni, flashback o dialoghi chiarificatori. I disegni di Patrizio Evangelisti fanno il resto: con un’attenzione assurda per il dettaglio il disegnatore illustra un mondo alieno e allucinato con architetture mastodontiche, animali pericolosi e astronavi velocissime. Il meglio però lo dà col character design con un tratto iperrealista e caricaturale che stupisce.

SUICIDE SQUAD / HARLEY QUINN #19
di aa.vv. – Traduzione di MC Farinelli (RW Edizioni, 2016)
Palmiotti e la Conner introducono il nuovo villain Red Tool, che è in pratica Deadpool ma scritto bene. Storia divertente ma è impossibile togliere gli occhi di dosso alla Harley Quinn di John Timms. In netta controtendenza alla Harley morbida e paffutella delineata dalla Conner, quella di John Timms è spigolosa dove serve (il naso, la bocca con pochissime labbra, le anche) e morbida nella parti giuste (ve le devo anche dire?). Non so, mi stordisce ogni volta. Il Road Trip Special di Harley Quinn, Catwoman e Poison Ivy è invece una parentesi divertente azzoppata purtroppo da disegni non sempre all’altezza. Si salvano giuste le quattro pagine di Qualano e Armentaro. Sui Segreti Sei rimane ancora qualcosa da dire? No. La conclusione di questa saga lovecraftiana è ridicola e inutile tanto quanto il resto. E ora sotto con gli ultimi numeri della serie e poi ce la siamo tolta definitivamente dalle scatole.

Gigahorse #1 | Febbraio 2016

Gigahorse è il riassunto delle mie letture mensili. In ordine cronologico. Lo faccio solo per ricordarmi di quel che leggo.


SHS1SHERLOCK HOLMES SOCIETY #1 – Il caso Keelodge
di Sylvain Corduriè, Stéphane Bervas, Eduard Torrents (Editoriale Cosmo, 2016)
Sherlock Holmes vs. Zombies feat. Mr. Hyde. Solito pastrugnone della collana Weird Tales. Verboso (come al solito) ma abbastanza divertente.

..


..SnowpiercerTerminusSNOWPIERCER: TERMINUS #1 – #2
di Olivier Bocquet e Jean-Marc Rochette (Editoriale Cosmo, 2016)
Questo terzo sequel di Snowpiercer è all’altezza dei suoi predecessori. Pur essendo chiaramente in debito col film di Bong Joon-ho nella caratterizzazione volutamente grottesca degli antagonisti, Snowpiercer: Terminus non tradisce l’opera originale e continua a proporre azione e riflessioni sul mondo che ci circonda. Bella la sceneggiatura di Olivier Bocquet (con il treno sostituito da una Tomorrowland diventata l’ultimo avamposto dell’umanità), ma a brillare è il veterano della serie Jean-Marc Rochette, che dal primo volume al terzo ha sintetizzato il suo segno rendendolo più espressivo e pulsante.

.


LoveAddictLOVE ADDICT – Confessioni di un seduttore seriale
di Koren Shadmi (Bao Publishing, 2016)
Inizia come “l’amore ai tempi di Tinder” e finisce nel nulla. Un libro inutile che tira inutilmente in ballo Woody Allen, Robert Crumb e Chester Brown. Per non farla lunga, qui trovate la mia recensione.

.


RatmanG24RATMAN GIGANTE #24
di Leo Ortolani (Panini, 2016)
Non sono uno di quelli che oddio Ratman capolavoro. Anzi, posso dire che da quando sto recuperando la ristampa in formato gigante, le risate non sono mai mancate ma mi sono trovato più di una volta a chiedermi qual’era la storia che avevo letto in quelle pagine. Ma questo potrebbe benissimo essere un mio limite.
La cosa che invece mi piace del Ratman Gigante è il dietro le quinte di ogni storia. Una cronologia di errori, passi falsi, correzioni, lavoro matto e disperato che ti fa capire perché il Leo è là e noi siamo qua.
.


PaperGirls4PAPER GIRLS #4
di Brian K. Vaughan e Cliff Chiang (Image Comics, 2016)
Vaughan colpisce ancora. Al quarto numero il suo Paper Girls si conferma come la serie più bella dell’anno. Scrittura precisa nel dosare misteri, dispensare cliffhanger, creare personaggi perfetti e una buona dose di dialoghi sboccati. L’unico timore è che l”universo narrativo si allarghi troppo, ma non mi sembra il caso di farsi prendere dal panico. Per ora me lo godo con piacere.

.


L&K1LOCKE & KEY # 1 – Benvenuti a Lovecraft
di Joe Hill e Gabriel Rodriguez (Magic Press, 2009)
La Magic Press ha appena pubblicato il sesto e ultimo volume della serie di Hill e Rodriguez, e io col consueto tempismo, ho cominciato a leggere il primo TP. Il tratto di Rodriguez non mi fa impazzire, ma Joe Hill ha già messo sul piatto tutti gli elementi che mi piacciono: mistero, bambini curiosi, killer pazzi, fantasmi, faccioni americani. I romanzi di Hill mi sono piaciuti un sacco (d’altronde buon sangue non mente), e questo fumetto ha tutte le carte per piacermi altrettanto. Qui la mia recensione.

.


SafariHoneymoonSAFARI HONEYMOON
di Jesse Jacobs (Eris Edizioni, 2015)
Applausoni alla Eris che con questo libro comincia la pubblicazione del meglio del panorama indie d’oltreoceano. E per meglio si intende che al prossimo giro tocca a Michael DeForge con il suo DressingSafari Honeymoon è molto bello nella maniera in cui potete immaginarvi, ma anche in un modo che invece non sapete nemmeno. Cosa significa tutto ciò? Boh, ma potete sempre leggere qui la mia recensione.

.


HeadLopper2HEAD LOPPER #2
di Andrew MacLean (Image Comics, 2016)
Continuano le avventure di Norgal. Head Lopper è una serie divertentissima di avventura pura, con soluzioni grafiche e un character design superlativo. Peccato che questo numero, che mantiene inalterata l’azione frenetica del primo volume, sia narrativamente un po’ fiacco, con la storia che sembra messa temporaneamente in stallo. Attendo con fiducia la prossima uscita.

.


AW17

ADAM WILD #17 – La suprema catastrofe
di Gianfranco Manfredi e Pedro Mauro (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Conclusione sottotono per questa doppia storia cominciata nel numero precedente. Sviluppo macchinoso per un epilogo inconsistente, viste soprattutto le premesse catastrofiche del titolo (peraltro bruttino). I disegni di Pedro Mauro fanno il loro dovere, con risultati a volte buoni.

.


DYDColorFest16DYLAN DOG COLOR FEST #16 – Tre passi nel delirio
di Ausonia, Marco Galli e AkaB (Sergio Bonelli Editore, 2016)
Non sono un fan di Dylan Dog. Ho letto qualcosa di Sclavi (che ho sempre preferito come romanziere) e giusto il Mater Morbi di Recchioni, ma poi mi sono fermato lì. Questo Color Fest #16 quindi è un acquisto più dettato dall’interesse che ho per gli autori che quello nei confronti del personaggio. La storia di Ausonia è un racconto metanarrativo sufficiente, le cui riflessioni sono forse troppo legate al personaggio e alla testata per coinvolgermi per davvero. Marco Galli invece punta su una storia classica che stravolge con un tratto grottesco da cui riesce a far emergere anche una certa fragilità emotiva dei personaggi. Lo sguardo di Dylan, malinconico e impaurito, è davvero commuovente. Chiude l’albo la storia di AkaB, dove la metanarrazione si estende oltre il personaggio e la sua storia editoriale per farsi riflessione più ampia e sofferta sull’identità e sulle storie. Gestione magistrale della gabbia bonelliana.
Esperimento riuscito.


MD3MANIFEST DESTINY #3 – Chiroptera e Carniformaves
di Chris Dingess e Matthew Roberts (Saldapress, 2016)
“Quando Thomas Jefferson inviò Lewis e Clark in esplorazione, si aspettava onestamente che gli riferissero di lanosi mammut e mastodonti di varia natura. Se i dinosauri fossero stati noti all’epoca, avrebbe chiesto loro quasi sicuramente di portargli un triceratopo.”
Così scriveva Bill Bryson nel suo Una passeggiata nei boschi (Guanda, 2000) e la serie di Dingess e Roberts non si sta allontanando di molto. Forse la struttura nuovo luogo-nuovo mostro alla lunga stuferà, ma per ora non risulta monotona. Anche perché, come in ogni grande romanzo d’avventura, ciò che conta è l’esplorazione (anche dei propri limiti) e i due autori si stanno dimostrando molto abili nelle descrizioni di nuovi spazi, nuovi mostri, nuovi pericoli e dell’influsso che queste scoperte hanno nei membri della spedizione. 


SwampThing4SWAMP THING: LIBRO QUATTRO
di Alan Moore, John Totleben e Stephen Bissette (RW Edizioni, 2015)
La conclusione del ciclo American Gothic cominciato nel precedente cartonato dimostra l’abilità di Moore nel gestire un evento macroscopico senza perdere mai di vista il suo personaggio. Forse non è divertente come il suo inizio, e nemmeno intima e psichedelica come il secondo volume della serie, ma questa conclusione ci restituisce un personaggio complesso, che messo davanti alle complessità di definire male e bene, fatica a trovare un’unica e sicura risposta.

.


Convergence4CONVERGENCE #4
di AA.VV. (RW Edizioni, 2016)
Questo finale funziona più o meno così: “Dobbiamo salvare il Multiverso!”. Giri pagina e l’hanno salvato. Quanta emozione. Non che nei quattro numeri non ci siano bei momenti (Telos e Brainiac sono scritti benino, soprattutto quest’ultimo), ma ho letto decisamente di meglio.  Negli scorsi numeri qualche bella tavola erano riusciti a metterla, mentre a questo giro dobbiamo sopportare delle orrende splash page che illustrano gli universi salvati.

.


aralluTHE DIM REVERBERATION OF THE CHAOSHOLDER – 1st Seal
di Arallu (Hollow Press, 2016)
La nuova serie della Hollow Press (che si affianca all’antologico U.D.W.F.G. già arrivato al terzo volume) è l’ennesima conferma della ricerca continua che è alla base di questa piccola casa editrice. Ogni libro ha una veste cucita per l’occasione (questo è uno spillato ultra-lusso) e rappresenta sempre una nuova sfida per il lettore. In questo caso ci troviamo davanti a una narrazione in soggettiva, tra il videogioco e un dungeon crawl, e una mitologia tutta esplorare. Questo primo volume non è di immediata lettura, ma poco fa non vi avevo detto che si trattava di una sfida? Tra qualche settimana vi dirò qualcosa di più sul fumetto tramite apposita recensione.


BrucoIL BRUCO 
di Edogawa Ranpo e Suehiro Maruo (Coconino, 2012)
E’ bello trovarsi tra le mani un libro che funziona in maniera così precisa. Suehiro Maruo prende un racconto di Edogawa Ranpo (l’Edgar Allan Poe giapponese, letteralmente) e gli dà corpo con una narrazione perfetta dove convivono la dimensione dell’incubo e quella di un sentimento amoroso. Straordinario come da questa storia è completamente esclusa la prospettiva morale, a sottolineare che le forme d’amore che nascono e si sviluppano nell’habitat esclusivo di una coppia, sono esenti da qualsiasi giudizio esterno. Un capolavoro dolce e destabilizzante.