Laser #7 | Luglio 2016

Laser è l’elenco delle recensioni che ho pubblicato durante il mese. Di solito sono molto poche perché sono pigro.


lonesloanesmallLONE SLOANE – L’integrale di Philippe Druillet (Magic Press, 2016)
Eppure ci farebbe comodo, qui e ora, chiudere Druillet in una teca e trattarlo come un reperto storico, in modo da non fare più i conti con lui e la sua grandezza. Tenerlo lontano dai paragoni, museificarlo e apporgli l’etichetta di quello che faceva i fumetti tutti matti in un’epoca in cui non solo era possibile farli, ma la cui portata rivoluzionaria e iperspaziale era riconosciuta da gente come Goscinny (che lo pubblicò sulle pagine di Pilote) e di Hergé. Riconosciuta e giustamente non capita, semmai subita, perché conLone Sloane Druillet non va mai incontro al suo lettore.
Clicca qui per leggere tutta la recensione.

draculasmallI MAESTRI DELL’ORRORE: DRACULA
di Michele Monteleone e Fabrizio Des Dorides (Star Comics, 2015)
La scelta di Michele Monteleone nell’adattare Dracula […] è  stata quella di mantenersi fedele alla struttura originale, Purtroppo il risultato non è all’altezza dell’originale: la sua sceneggiatura non riesce mai a essere autonoma dal testo di partenza e di conseguenza molti passaggi risultano non solo affrettati (ma si trattava comunque di comprimere un romanzo di quattrocento pagine in un fumetto di cento) ma anche poco chiari se non si ha fresca memoria del romanzo.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

tobikosmallTOBIKO di Maurizia Rubino (Bao Publishing, 2016)
La narrazione di Maurizia Rubino ha una straordinaria fluidità nel cambiare atmosfere, toni e ambientazioni, seguendo il percorso tortuoso che intraprendono le emozioni di Tobiko. La naturalezza con cui la narrazione di snoda tra gli eventi, fa sì che i frequenti cambiamenti emotivi (accelerati rispetto a qualsiasi normale rapporto sentimentale) non risultino mai schizofrenici, rendendo questa ricerca di felicità di coppia interessante e sorprendente come un romanzo d’avventura. Così, lontano da metafore e allegorie, Tobiko ci racconta una storia sull’amore divertente come un film di fantascienza e toccante come un film romantico. Con il lieto fine migliore che ci sia.
Clicca qui per leggere tutta la recensione.

montagnefollialovecraftI MAESTRI DELL’ORRORE: ALLE MONTAGNE DELLA FOLLIA di Giovanni Masi e Federico Rossi Edrighi (Edizioni Star Comics, 2015)
La rilettura grafica di Rossi Edrighi è sottilmente inquietante, con il suo tratto graffiante ma incerto, prepotente ma traballante, che rende instabili personaggi, ambienti e oggetti. Tutto è avvolto in un’incertezza vibrante e colma di energia che con l’avanzare della storia si frammenta e si fa ancora più nervosa, come se il disegno stesso perdesse aderenza con la realtà insieme ai protagonisti. In questo modo le sequenze più scontate come le grandi panoramiche acquistano un’inquietudine maggiore, così come i momenti più allucinati (come la tavola finale) escono dal solito tracciato per cercare di creare qualcosa di nuovo e più interessante.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...