Laser #6 | Giugno 2016

Laser è l’elenco delle recensioni che ho pubblicato durante il mese. Di solito sono molto poche perché sono pigro.


KadathlaserLA RICERCA ONIRICA DELLO SCONOSCIUTO KADATH di Ian N. J. Culbard (Magic Press, 2016)
I.N.J. Culbard comincia la sua esplorazione del classico lovecraftiano conscio dei limiti e dei difetti dell’originale. Compie il primo passo rimodellando la struttura del racconto, che rimane invariata nel susseguirsi degli episodi ma trova una sua stabilità nel cambiamento di ruolo di Randolph Carter, che da esploratore diventa indagatore. Questo aspetto, presente nel romanzo ma soffocato dalle descrizioni, riesce a fare emergere quella trama sotterranea che per Lovecraft era un pretesto e per Culbard diventa le fondamenta del suo fumetto.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

GreenManorLGREEN MANOR di Fabien Vehlmann e Denis Bodart (Bao Publishing, 2015)
Green Manor stupisce anzitutto per la ricchezza di trame e idee, tanto da farlo diventare un esaustivo prontuario di trame mistery. Ma Green Manor non finisce con l’essere un semplice divertissement a tema vittoriano. Vehlmann costruisce questo mosaico di storie per parlarci della violenza. Dopo aver affrontato il tema in Dolci Tenebre, Vehlmann torna sul luogo del delitto, raccontandoci ancora una volta il richiamo viscerale dell’uomo per la violenza. Lo fa in questo caso con toni meno cruenti e più beffardi rispetto a Dolci Tenebre, ma il quadro generale non è meno confortante del suo precedente lavoro.
Clicca qui per leggere tutta la recensione.

nyarlathotepNYARLATHOTEP di Rotomago e Julien Noirel (Edizoni NPE, 2016)
L’aderenza al testo originario, fa si che questo ibrido tra fumetto e libro illustrato, più che una raccontarci una storia sembra assurgere al compito di documentare un fatto di cronaca. Tra il testo del racconto e le illustrazioni orchestrate da Rotomago e realizzate da Noirel, non c’è un vero e proprio dialogo, ma vivono di un rapporto simbiotico che forse a volte risulta ridondante per l’eccessiva fedeltà, ma che nell’insieme trasmette un tono cronachistico strano e perturbante.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

fobowomanFOBO di Gabriel Delmas (Hollow Press, 2016)
Il protagonista del fumetto di Delmas è catapultato in un mondo che lo obbliga continuamente a mutare la sua forma, così come fa con le strutture e gli esseri viventi che lo abitano. Niente rimane uguale, tutto è in perpetua mutazione, ogni incontro è un’avventura.
Clicca qui per leggere tutta la recensione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...