Laser #2 | Febbraio 2016

Laser è l’elenco delle recensioni che ho pubblicato durante il mese. Di solito sono molto poche perché sono pigro.


teste21THE BOOK OF HEADS di Spugna (Autoproduzione, 2015)
E’ davvero facile vedere in The book of heads, l’ultima fatica di Spugna, un artbook lombrosiano contenente tutte le scorciatoie per mettere al gabbio brutti ceffi e mostri di varia natura. Ma basta aver letto però il suo primo graphic novel, Una brutta storia, perché l’idea che questo libro sia un semplice catalogo frenologico abbandoni la nostra mente.
Clicca qui per leggere tutta la recensione.

.


b-comics-gnamB COMICS – FUCILATE A STRISCE. GNAM!  a cura di Maurizio Ceccato (Ifix, 2015)
Come sempre Maurizio Ceccato propone un menu variegato dove non c’è nulla di biologico: tutto è stato trattato, pompato di steroidi, geneticamente modificato per aumentarne la conservazione, arricchito di coloranti e polifosfati per rendere la forma bella come la sostanza. Ceccato è un editor contro il chilometro zero perché spinge gli autori ad andare lontano, a mettersi alla prova per farsi assaggiare anche da chi non mastica i fumetti.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

.


RemiTotREMI TOT IN STUNT di Martoz (MalEdizioni, 2015)
In tutto questo Martoz dimostra di essere un autore che non ha paura di gettarsi con spavalderia nelle stesse imprese impossibili del suo personaggio. Martoz non si tira indietro e sale in sella insieme a Remi Tot affrontando sfide e imprese simili, sgommando sull’orlo della catastrofe e rischiando la pelle. Tutto per qualcosa di misterioso che possiamo solamente immaginare.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su WildWood.

.


KorenShadmiLOVE ADDICT – Confessioni di un seduttore seriale di Koren Shadmi (BaoPublishing, 2016)
La poca incisività della messa in scena sembra quasi un suo voler evitare non solo una presa di posizione sull’argomento, ma proprio un punto di vista sulle vicende del suo personaggio. Impegnato com’è a rendere K. un personaggio simpatico e perfetto da compatire, Shadmi dimentica di far vibrare le contraddizioni del suo personaggio, di mettere in mostra le sue pulsioni nella maniera più umana possibile. Tra battutine, cordialità e simpatici pensieri erotici, K. rimane sempre un personaggio positivo, puro, bidimensionale.
Clicca qui per leggere tutta la recensione su Critica Letteraria.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...